“La giustizia civile e la giustizia penale sono due punti molto negativi, che tutti giudicano con molta paura prima di venire in Italia”. Per Silvio Berlusconi gli investitori stranieri non sono attirati dal mercato dello stivale per colpa della giustizia. Il premier, parlando in conferenza stampa, ha dunque ribadito la volontà di andare avanti nelle riforme della giustizia. Ma non solo. Il Cavaliere ha anche annunciato di voler metter mano al fisco. “Noi ci apprestiamo a presentare prestissimo la riforma dell’architettura dello Stato che è urgente come quella della giustizia. Il nostro intendimento è di realizzare anche la riforma tributaria entro fine legislatura”, ha spiegato. “Si tratta di un gran lavoro perché c’è un ginepraio di leggi inestricabile anche per professionisti della materia preoccupati quando devono dare suggerimenti alle imprese”.

Tremonti ha fatto il regista dell’operazione che ha portato oggi al varo da parte del Consiglio dei ministri del decreto legge sullo sviluppo, “un provvedimento di tutti” i ministri, ha detto ancora Berlusconi riconoscendo però al ministro dell’Economia il ruolo di regista. “Tutti i ministri si sono più volte riuniti per cercare delle idee per far ripartire l’economia senza gravare sul bilancio dello Stato”, dice il presidente del Consiglio. Il premier innanzitutto ha ricordato l’operato del governo che ha tenuto i conti pubblici in ordine e “mantenuto la pace sociale nel Paese”.

Il decreto Sviluppo è uno dei “primi di una serie di decreti che presenteremo in una logica europea di sviluppo. Il prossimo decreto conterrà norme di deflazione del processo civile che come è ingolfa tutto. Serve una forte deflazione che ci darà un punto in più”, ha detto Tremonti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, da Cesario a Villari
chi sono i nuovi sottosegretari

prev
Articolo Successivo

Dl Sviluppo, le spiagge vanno
in concessione novantennale

next