Lukashenko? Chi è questo?” Il ministro della Difesa Ignazio La Russa si fa beccare come uno scolaretto impreparato dal conduttore di Ballarò Giovanni Floris. Evocato poco prima da Pier Ferdinando Casini come “dittatore bielorusso amico di Silvio Berlusconi”, il presidente (dal 1994) del piccolo Stato dell’ex Urss è una figura sconosciuta per La Russa che, come ministro della Difesa, dovrebbe conoscere a menadito la politica internazionale. E così, per ribattere a Casini, La Russa si fa suggerire da un giovane collaboratore alle sue spalle senza rendersi conto di essere tornato in diretta.

Ma non è finita perché quella su Lukashenko non è stata l’unica brutta figura del ministro. La spazzatura di Napoli? “Berlusconi ha pulito la città. Il problema è che i napoletani l’hanno risporcata”, spiega La Russa. E quando la professoressa della Columbia University di New York Nadia Urbinati interviene per far notare come il tema dell’immondizia abbia pesato sulla campagna elettorale tra Berlusconi e Romano Prodi, il ministro le risponde: “Ma che dice questa?”. E con l’eleganza di sempre aggiunge: “E insegna alla Columbus (Columbia, ndr)? Povera università, penseranno che gli italiani sono tutti così”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rai, Lorenza Lei indicata direttore generale

prev
Articolo Successivo

Referendum, la Rai ruba la democrazia

next