Cinquemila firme raccolte in pochi giorni contro quello che viene definito un vero e proprio oscuramento dei quesiti referendari. Cinquemila firme da consegnare nelle mani del presidente della Commissione di Vigilanza della Rai, Sergio Zavoli, in occasione della giornata mondiale della libertà di stampa, il 3 maggio. Anche Articolo 21 scende in campo per la chiamata alle urne del 12 e 13 giugno.

“Questa mattina abbiamo partecipato al sit-in indetto dal “Comitato promotore per il Sì sull’acqua pubblica” per protestare contro il vergognoso silenzio che circonda questi referendum. Non è tollerabile che al broglio politico si voglia aggiungere quello mediatico”. Così Giuseppe Giulietti e Stefano Corradino, portavoce e direttore di Articolo 21. E’ necessaria una “vera e propria rivolta popolare” su questo tema. Per questo – spiegano –  “il 3 maggio, in occasione della giornata mondiale della libertà di stampa, di intesa con altre organizzazioni, tra cui Libera informazione, la Tavola della Pace e il Popolo Viola, saremo alle ore 14 davanti alla Commissione di Vigilanza Rai per chiedere che si superi l’ostruzionismo della maggioranza e si approvi al più presto il regolamento sul referendum per consentire agli italiani di essere informati. Ma saremo lì anche per consegnare al presidente Sergio Zavoli le migliaia di firme raccolte sul sito www.articolo21.org contro l’oscuramento dei referendum”.

All’appello di Articolo 21 hanno aderito, tra gli altri, numerosi esponenti del mondo dello spettacolo tra cui Ottavia Piccolo, Roberto Vecchioni, Marco Paolini, Franco Battiato, Neri Marcorè, Lella Costa, Teresa Mannino, Antonio Cornacchione e Giovanna Marini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Magica Italia, gli spot dedicati a Lampedusa

next
Articolo Successivo

Cape Canaveral e libertà di stampa

next