Il nonno disegnato dallo Spi-Cgil di Modena in una vignetta diffusa sul giornalino dei pensionati (in cui un anziano spiega al nipote che il bastone non gli serve per camminare, “ma nel caso incontrassi il premier…”) scatena l’ira del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Carlo Giovanardi.

A dare risonanza alla caricatura, ci ha pensato il quotidiano Il Giornale, che oggi pubblica la vignetta bollandola come un’istigazione alla violenza da parte del sindacato (“La Cgil: bastonare si può”, è il titolo).

Giovanardi “come cittadino italiano e sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio”, si sente chiamato in causa, e in una brevissima nota fa sapere di aspettarsi “le scuse della Cgil per la vignetta diffusa a Modena che invoca tristemente bastoni e bastonatori come strumento di lotta politica”.

Gli fa eco la vicepresidente dei deputati Pdl e coordinatrice provinciale del partito, Isabella Bertolini: “Dagli insulti alla promozione della violenza, le anime belle e anche anziane del sindacato rosso fanno partire da Modena un’altra offensiva contro il premier – afferma la deputata – anche sul volantino che promuove lo sciopero solitario della Cgil, il tema non è il lavoro, non è l’occupazione, ma è Berlusconi da abbattere e nel caso lo si incontrasse per strada, addirittura da bastonare”.

E dunque, “bell’esempio e bel messaggio per le giovani generazioni – prosegue la Bertolini – è evidente che, a Modena, la campagna di violenza e delegittimazione contro il presidente del Consiglio continua ad avere centri di promozione”.

Quindi, chiedendo le scuse al sindacato sulla scia del collega di partito (e concittadino), domanda provocatoriamente se “è la violenza che i nonni della Cgil insegnano ai loro nipoti”. E conclude dicendo che il caso di questa vignetta “ci indica quanto la strada per la vera democrazia, nelle terre rosse, sia ancora lunga ed impervia”.

Ma sotto la Ghirlandina, il segretario provinciale della Cgil modenese, Donato Pivanti, scuote la testa: “Non hanno il senso dell’ironia. E’ una vignetta innocua disegnata da un ragazzo e diffusa nel giornalino dei pensionati”, dice. E passa al contrattacco: “Visto che non hanno il senso dell’ironia, mando un bacio a Giovanardi”. L’allusione è alle recenti critiche del sottosegretario contro lo spot dell’Ikea in cui è rappresentata una coppia di uomini gay.

Elena Boromeo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rapido 904: “Un intreccio
tra mafia, camorra e politica”

prev
Articolo Successivo

I rifiuti che ricicliamo?
Sono lungo l’autostrada

next