Il procuratore aggiunto Valter Giovannini aveva voluto precisarlo: “Non vorrei che qualche tifoso pensasse che stiamo perseguitando i giocatori”. Ma i tifosi rossoblu non hanno recriminato l’operato della Procura di Bologna, intenta nelle indagini sui falsi pass per disabili. Nell’occhio del ciclone della tifoseria sono caduti – a qualcuno doveva toccare – i giornalisti che operano nel capoluogo emiliano romagnolo, apostrofati come “terroristi”.

Le parole utilizzate dai tifosi lasciano spazio a poche interpretazioni: “Giornalisti terroristi. Giù le mani dai nostri ragazzi”. È questo lo striscione che la curva Bulgarelli, dove sono posizionati gli ultrà del Bologna, ha esposto all’inizio della partita fra Bologna e Cesena.

I tifosi, che anche quest’oggi si sono ritrovati a incassare una sonora sconfitta, hanno così voluto contestare la pubblicazione della notizie sul coinvolgimento di diversi giocatori del Bologna nell’inchiesta della Procura sull’uso illegittimo dei pass auto per i disabili.

Nelle indagini condotte da Giovannini, tuttavia, non vi è al momento alcun indagato, ma solo persone informate sui fatti. Al momento sono già stati sentiti in Procura il portiere Emiliano Viviano, il capitano Marco di Vaio (che a seguito della vicenda ha restituito il Nettuno d’Oro consegnatogli dall’amministrazione comunale) oltre che Gaby Mudingayi, Daniele Portanova, Vangelis Moras, Archimede Morleo, Andrea Esposito e Massimo Mutarelli.

Al vaglio degli investigatori, infatti, ci sarebbe l’ipotesi che i giocatori coinvolti abbiano effettivamente utilizzato privilegi come l’accesso alla zona T e alla Ztl, ossia a zone a traffico limitato, e come la possibilità di viaggiare sulle preferenziali e di non pagare il parcheggio sulle strisce blu.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Merola “costa” mezzo milione di euro: ha sorpassato il Pdl

next
Articolo Successivo

La Corte dei conti
condanna il cda di Arstud

next