La stampa lo chiama “il Madoff dei Parioli”, e quella connotazione geografica “dei Parioli” (noto quartiere bene della Capitale), da sola potrebbe bastare a separare la sorte dei due: da una parte il Madoff originale, quel Bernard che avrebbe compiuto una truffa da 50 miliardi di dollari e che, arrestato nel dicembre del 2008, ora deve scontare una pena di 150 anni di carcere.

Dall’altra il nostro, quello “dei Parioli”, al secolo Gianfranco Lande, che deve rispondere di una truffa di “appena” 170 milioni di euro. Ieri in prima pagina sul Corriere della Sera, il Madoff nazionale, dopo aver professato la propria innocenza assai difficile da dimostrare, prevedeva: “Uscirò dal carcere e avrò altri clienti”. Tra prescrizione ridotta per gli incensurati, ex Cirielli e processo breve, che sia colpevole o no, probabilmente aveva ragione.

Il Fatto Quotidiano, 16 aprile 2011

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Senato, il Pdl ci prova ancora
Spunta una norma ‘blocca-Ruby’

next
Articolo Successivo

Lombardo, Barcellona e il Pd siciliano

next