Stella Antonia Macrì, 30anni, sorella della ex escort Nadia Macrì (la giovane di Reggio Emilia che ha raccontato di avere avuto rapporti sessuali a pagamento con il premier Berlusconi), è stata arrestata per furto ieri verso le 20.30 presso il Centro Commerciale I Petali che si trova accanto allo stadio di calcio Giglio di Reggio Emilia, dove stava per iniziare la partita della Nazionale Under 21.

Il responsabile del negozio di abbigliamento Zara ha sorpreso la giovane che aveva oltrepassato le casse facendo suonare l’antitaccheggio. Stella Macrì (originaria di Torre del Greco ma residente a Reggio Emilia) aveva nella propria borsa dei capi di abbigliamento con la placca antitaccheggio asportata. La donna ha poi consegnato spontaneamente alla polizia un paio di tronchesi e una pinza.

Stella Macrì è stata quindi accompagnata in Questura dalla Squadra volanti e arrestata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vasco, nuovo album: “Non aspettate Godot” “Consigli per prendere la vita nel verso giusto”

prev
Articolo Successivo

Cazzola, da traditore a eroe
I misteri del Bologna calcio

next