La Procura della Repubblica di Roma ha aperto un fascicolo contro ignoti con riferimento alle notizie pubblicate dal Fatto quotidiano secondo le quali due persone si sarebbero recate in Marocco nel tentativo di far alterare la data di nascita di Karima el Mahroug, conosciuta come Ruby Rubacuori e che, secondo i pubblici ministeri della Procura di Milano, avrebbe avuto rapporti sessuali con il presidente del consiglio Silvio Berlusconi quando ancora la ragazza era minorenne.

Lo spunto per avviare questo nuovo filone d’inchiesta è stato offerto anche dalla denuncia presentata dall’avvocato Niccolò Ghedini, uno dei difensori di Silvio Berlusconi. Il reato ipotizzato è quello di tentativo di corruzione nei riguardi dell’ufficiale dell’anagrafe marocchina. L’indagine è aperta dalla procura di Roma trattandosi di un reato commesso all’estero da due italiani, secondo la denuncia.

La notizia dell’affaire in Marocco anticipata dal Fatto è stata ripresa da tutti i giornali del mondo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Decodificare i concetti:
B. su Tangentopoli

next
Articolo Successivo

“Mentì sulla sua incompatibilità
Ora il Csm dichiari la decadenza di Brigandì”

next