Il gruppo di Futuro e Libertà a Palazzo Madama non esiste più. Gli iscritti sono rimasti appena sei e la conferenza dei capigruppo stamani  ha preso formalmente atto dello scioglimento del gruppo del Fli e dell’arrivo del nuovo gruppo di Coesione Nazionale che farà parte della maggioranza. Il presidente del Senato, Renato Schifani, ha comunicato, infatti, ai rappresentanti dei gruppi l’intenzione annunciata da Pasquale Viespoli, ex capogruppo finiano ormai assente alla riunione, di lasciare Fli per costituire un nuovo gruppo, la cui nascita non è ancora stata formalizzata ma si dovrebbe chiamare, stando a quanto comunicato sabato scorso, “Coesione nazionale”.

Con Viespoli lasciano Fli anche i senatori Maurizio Saia e Giuseppe Menardi e visto anche il ritorno di Francesco Pontone al gruppo del Pdl, i finiani a Palazzo Madama si riducono a sei senatori. Al Senato per fare un gruppo ci vogliono almeno 10 senatori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Federalismo, la Lega accelera
e mette la fiducia alla Camera

next
Articolo Successivo

Vita dura per i rottamatori leghisti
Espulsi dal partito via sms

next