Quando il governo viola i diritti del popolo, l’insurrezione è per il popolo e per ciascuna parte del popolo il più sacro dei diritti e il più indispensabile dei doveri.
E’ l’articolo 35 della Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino, elaborata nel corso della Rivoluzione francese.

Ora. L’Italia non l’ha fatta, la rivoluzione francese. Difficile che possa fare una rivoluzione anche solo culturale, perché la fabbrica del consenso e il pensiero unico stanno lì, dietro l’angolo. Avallati anche da “sinistra” (le virgolette sono d’obbligo).

Succede anche questo, nell’Italia del 2011, dove la deriva politica e morale è sotto gli occhi di tutti, con buona pace di quella società dello spettacolo incapace di uscire dai cliché della fiction, una società che si esprime attraverso i suoi esponenti a colpi di dita medie alzate e di telefonate di insulti, di strategie di consificazione mediatica che nemmeno Guy Debord avrebbe potuto prevedere.

Succede che una lettera che porta fra i firmatari Piero Sansonetti, Fabrizio Rondolino, Ottaviano Del Turco, Claudio Velardi, Massimo Micucci, Enza Bruno Bossio, inizi letteralmente così: “Care compagne e cari compagni, per carità, per il nostro bene, fermatevi”. E succede che questa lettera prosegua con toni che fanno venire i brividi ai polsi, fino a declamare: “La corruzione va perseguita, ma non, come fu nel ’92-’94, decapitando una classe politica”. Nell’immagine che accompagna la lettera, una foto di Silvio Berlusconi che guarda, malinconicamente, altrove. Povero. Travolto – ma non abbastanza – dal Rubygate, in effetti ha proprio bisogno di essere assistito a “sinistra”.

A chi si rivolge, l’allegra compagnia di Sansonetti? Alle compagne e ai compagni? Le compagne e i compagni di chi? A chi ha nostalgia di Bettino Craxi? Ai MoDem? A quelli che hanno paura di venire decapitati, travolti dall’indignazione per il marcio che sommerge e soffoca la società civile? Oppure ai magistrati e ai giornalisti, presunti “compagni”, che cercano di fare il loro lavoro? E qual è lo scopo di questo appello? Che senso ha?
Ha paura di qualcosa, la brigata Sansonetti?

C’è tanta voglia-di-Bettino, in quella lettera lì, che invita la sinistra a non involversi autoritaristicamente, a non cedere alle lusinghe del giustizialismo. C’è voglia di riscrivere la storia di Tangentopoli. Ma c’è qualcosa di più. C’è il pensiero monosofico che emerge, ci sono i vecchi che cercano di salvarsi e per farlo sono disposti a salvare tutto il sistema; ci sono – anche se non firmano la lettera – i Fassino e i Renzi a braccetto con Marchionne. Ci sono i Chiamparino che invitano al governo di scopo con il Terzo Polo. C’è l’appiattimento culturale. C’è quell’uso aberrante della parola compagni.

E c’è anche la sconfitta di un popolo che non reagisce più a nessuno stimolo. Altro che diritto e dovere all’insurrezione: la brigata Sansonetti non deve avere paura e l’appello non serve a nulla. Gli italiani non decapiteranno un bel niente, assuefatti e rimpinzati dalla tv e dalla loro stessa indignazione rancorosa, che coltivano fra le pareti di casa.

Così, si delinea in maniera perfetta quello a cui dobbiamo prepararci quando – e se, perché non è mica detto che accada a breve – il calendario italiano potrà riportare la dicitura Dopo Berlusconi.

E allora, care compagne e cari compagni, almeno incazzatevi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

La Lega pronta a tutto per il federalismo

next
Articolo Successivo

Bondi, si vota domani la mozione di sfiducia
Scontro Fini-Pdl su ruolo presidenza

next