Scrivono Fabrizio Rondolino e Claudio Velardi nel loro perdibile blog:

“Diciamoci la verità: si può governare un grande paese organizzando ogni sera una festa a luci rosse, ma non si governa neppure un quartiere se non si è in grado di controllare gli apparati dello Stato. Gli scandali sessuali non erano infrequenti nella Prima repubblica: ma il rapporto specialissimo che la Dc aveva con la magistratura, i Servizi e le forze dell’ordine bastavano e avanzavano per mantenere la situazione sotto controllo. Berlusconi, come tutti i riformatori falliti, si è inimicato lo Stato senza riuscire a riformarlo: e oggi ne paga le conseguenze”.

E ancora:

“Il giustizialismo populista, oggi rafforzato da un moralismo nauseante e guardone, si appresta a forzare un nuovo cambiamento di regime, in barba alla democrazia e in spregio al diritto. Stanno vincendo i peggiori, e l’Italia che verrà sarà peggiore, come peggiore è stata l’Italia che è venuta dopo Tangentopoli”.

Traduco e sintetizzo, come faceva su Cuore l’imperdibile Piergiorgio Paterlini (nella rubrica Parla come mangi):

1. Fare cose spregevoli e compiere anche reati non è disdicevole, purché si riesca a nasconderlo ai cittadini attraverso una magistratura addomesticata, a servizi segreti potenti e a una polizia serva della politica.

2. Ecco che cosa sono le “riforme”: riuscire ad asservire la magistratura e a usare servizi e polizia non per difendere istituzioni e legalità, ma per proteggere i politici di volta in volta al governo, manipolare l’opinione pubblica e controllare la società.

3. Chi verrà dopo è peggio: ovvero Berlusconi è meglio del “giustizialismo populista” (cioè di chi vuole che i reati siano puniti anche se li compie il presidente del Consiglio) e del “moralismo nauseante e guardone” (cioè di chi desidera che la politica non sia trasformata in un puttanaio).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Per una nuova primavera torinese

prev
Articolo Successivo

B., tutto il resto è noia

next