Un provvedimento bipartisan a favore dei cervelli in fuga. Per favorire il loro rientro in Italia. L’aula del Senato ha approvato definitivamente la legge, con il solo voto contrario di Fli e l’astensione dei Radicali. I cittadini Ue, nati dopo il primo gennaio 1969, laureati e con almeno due anni di residenza nel nostro Paese, una volta ritornati a lavorare in Italia otterranno fino al 31 dicembre 2013 uno sconto fiscale dell’80% se donne e del 70% se uomini. I benefici decadranno se il lavoratore non resterà in Italia almeno cinque anni. In questo caso, lo Stato provvederà al recupero dei benefici già fruiti, con applicazione delle relative sanzioni ed interessi.

“Sono felice che la legge sia stata approvata con una convergenza ampia e soprattutto il giorno dopo l’incontro del Presidente della Repubblica Napolitano con gli studenti. E’ un segnale sulla questione giovanile dirimente e sulla fuga dei giovani dall’Italia”, commenta il vicesegretario del Pd Enrico Letta, primo firmatario della proposta di legge insieme a Stefano Saglia (Pdl), Silvano Moffa (gruppo Misto). “Abbiamo voluto privilegiare le donne – continua Letta – perché i dati sull’occupazione femminile sono drammatici”.

Per Mario Ferrara (Pdl), “l’entusiasmo delle giovani generazioni significa migliorare le condizioni di sviluppo del Paese”. Mario Baldassarri (Fli) spiega le ragioni del voto contrario di Futuro e libertà a questo provvedimento, che è “un manifesto demagogico che non produrrà effetti, se non per pochi furbacchioni privilegiati”. La radicale Donatella Poretti pone invece il dubbio sulla legittimità “di una discriminazione fiscale fra uomini e donne”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Se l’istruzione è costosa, provate l’ignoranza

prev
Articolo Successivo

Lettera di Natale ai miei nipoti

next