La riforma dell’Università è arrivata al capolinea. Domani è prevista l’approvazione definitiva del provvedimento, ma studenti e ricercatori (che animano le proteste di piazza) non hanno mai potuto confrontarsi col ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini o con esponenti del centrodestra. Il vicepresidente dei senatori del Pdl, Gaetano Quagliariello, ha chiesto al “Fatto” di organizzare un confronto con i ragazzi in redazione. Ieri, di fronte al senatore, c’erano Giorgio Paterna, coordinatore nazionale dell’Unione degli Universitari, Claudio Riccio, portavoce del coordinamento universitario Link e Massimiliano Tabusi, ricercatore della Rete 29 aprile. Di seguito, le schede dei protagonisti.

Il senatore
Gaetano Quagliariello
Figlio di docenti universitari (il padre rettore a Bari), è   ordinario di Storia dei partiti politici alla LUISS di Roma. Nel 1994 si iscrive a Forza Italia. Tra il 2001 e il 2006 è consigliere per gli Affari culturali del presidente del Senato, Pera. Nel 2006 è eletto senatore in Toscana, confermato nel 2008.

Il ricercatore
Massimiliano Tabusi
È ricercatore di Geografia presso la Facoltà di Lingua   e Cultura Italiana, dell’Università per Stranieri di Siena. Dottore di ricerca in Geografia economica, è tra i rappresentanti della “Rete 29 aprile” e, da oltre ventotto giorni, è tra i promotori della protesta dei ricercatori sul tetto.

Lo studente/1
Giorgio Paterna
Ventiseienne, iscritto alla facoltà di Economia e   commercio dell’Università di Ancona è coordinatore nazionale dell’Unione degli Universitari, confederazione di associazioni studentesche, presenti in quasi tutti gli atenei sul territorio, attorno al modello organizzativo del sindacalismo studentesco.

Lo Studente/2
Claudio Riccio
Venticinque anni, studente di scienze politiche a Bari, ha   lasciato la città pugliese per trasferirsi a Roma e diventare il portavoce del coordinamento universitario Link. Il movimento, nato con l’Onda nell’autunno del 2008, è legato con l’Unione degli Studenti nella Rete per la conoscenza.

di Salvatore Cannavò e Caterina Perniconi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Merito: tanti no al progetto Gelmini

next
Articolo Successivo

Il senso dello Stato e la riforma universitaria

next