Stamattina, sulla linea A della metropolitana di Roma.

Seduto accanto a me, un ragazzo (apparentemente minorenne) sfoglia distrattamente un quotidiano free press. Giunto in prossimità della sua fermata decide che quel quotidiano non gli serve più. Ma anziché portarlo con sé e gettarlo nel primo cestino in stazione lo abbandona lì sul sedile.

Subito dopo si avvicina una ragazza per occupare quel posto. Ha circa trent’anni, e indugia davanti a quella copia di giornale che occupa il sedile. Cosa fare? Semplice: prende il giornale, lo butta a terra e si siede.

È da questi gesti minimi che si capisce quale paese incivile siamo diventati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chi ha bisogno della Fondazione Bordoni?

next
Articolo Successivo

Ruby e le altre, riflessioni di una vetero femminista

next