Scrivo su questo blog gratuitamente.
Voi mi leggete gratis.

E mentre io scrivo e voi leggete, i disoccupati – in aumento – vanno a colloqui dove i datori di lavoro esordiscono così: “Allora, non ci sono soldi…

Nel frattempo, gli altri lavorano – non pagati.

La sera poi ci ritroviamo tutti quanti a qualche evento a “ingresso libero”.

Ma che fine hanno fatto i soldi????
Ve li ricordate? I soldi

Domenica ho trovato una banconota da 100 euro su una bancarella in un mercatino vintage.
Quanti ricordi…
Quando si tratta di soldi io divento nostalgico.

Comunque: quei 100 euro volevo prenderli, ma costavano troppo.

Ha fatto sensazione che a Torino due tizi hanno ucciso una donna su commissione per 2.500 euro – in due.
Per come vanno le cose, già è tanto se sono stati pagati.

Oggi in Italia, Repubblica fondata sull’accattonaggio, in tutti i settori professionali il minimo salariale è “gratis”. Lordo.

Paghi le imposte anche sul gratis. E alla fine non ti resta che “la metà di niente”.

Nel frattempo, i sindacalisti sono pagati per tutelare i diritti del lavoratore.

Io credo che eleggere una donna a capo del più grande sindacato italiano non sia sufficiente per distrarci da tutto questo.

Non stupisce che questa “cultura del gratis” dilaghi proprio in Italia: paese storicamente pezzente, dove un artista che partecipa ad un programma tv senza percepire compenso viene definito generoso.

E invece no: Benigni gratis a “Vieni via con me” non è stato generoso, ma scorretto; e costituisce un pericoloso precedente.
In un libero mercato, una cosa del genere uccide la concorrenza.
Se voi foste un dirigente tv, potendo avere gratis Benigni o Saverio Raimondo, chi scegliereste?
Me, lo so; ma solo perché siete folli, non perché vi siete rotti i coglioni di Dante letto ad alta voce – o, peggio ancora, di sentire Benigni ridursi a fare le battute di Spinoza (gratuitamente, suppongo).

Benigni doveva pretendere di essere pagato per andare in tv ad esibirsi.
Tutti devono pretendere di essere pagati, sempre.
Non solo è un diritto; ma è un dovere rispetto alla collettività.

Inoltre, basta ipocrisie sul denaro.
I soldi non fanno la felicità, ma la comprano.

In questo panorama così desolante,vi lascio con un messaggio di speranza: stanotte ho scopato. Gratis.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La metamorfosi 2, maquillage

next
Articolo Successivo

Ribelli al traguardo

next