“L’ affidamento della minore è stato svolto in modo corretto”. Parole del procuratore capo di Milano, Edmondo Bruti Liberati. Si chiude così il capitolo che ha visto per giorni contrapporsi la Questura di Milano e la Procura dei minori su quanto accaduto il 27 maggio scorso, quando Ruby venne fermata in via Fatebenefratelli.

Il procuratore capo ha aggiunto: “In futuro non ci saranno altri accertamenti. Non ci sarà alcuna convocazione per Annamaria Fiorillo, la pm dei minori di turno, né per nessun altro magistrato del tribunale. Per quanto riguarda questa fase dell’indagine abbiamo chiuso”.

Il ministro dell’Interno, Roberto Maroni esprime ”soddisfazione” per le parole del procuratore capo di Milano sulla correttezza delle procedure per affido di Ruby. ”Io – ha aggiunto il ministro a margine di una visita a Gerusalemme – sono sempre stato certo della correttezza dei miei uomini: oggi c’e’ l’autorevole conferma da parte della Procura che la Questura di Milano ha agito correttamente e questo sgombra il campo da tutte le illazioni fatte”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rifiuti a Napoli, nuovi scontri a Giugliano tra polizia e manifestanti

prev
Articolo Successivo

Crac Alvi, la “Parmalat salernitana”. Ex presidente della provincia ai domiciliari

next