Il fumo a New York sembra avere le ore contate, per lo meno nella maggior parte dei luoghi pubblici all’aperto. E dunque: parchi, spiagge e arterie di grande passeggio come Time Square o il tratto della Broadway nell’Upper West Side. Con una maggioranza che lo sostiene largamente, infatti, il sindaco Michael Bloomberg, ha rimesso mano a un piano che gli era stato già presentato l’anno scorso dal responsabile della sanità ma che, in prima istanza non lo aveva convinto troppo. Ora, invece, fra un intervento a favore del centro islamico di Lower Manhattan e la battaglia alle cimici da letto (che hanno costretto persino il mega store Nike sulla 57° strada a chiudere i battentii), il sindaco Bloomberg sembra proprio intenzionato a far sì che l’aria di Manhattan sia sempre più “respirabile”, a cominciare dall’eliminazione del fumo passivo.

“Quando questa legge sarà passata – ha detto Bloomberg presentando il progetto al consiglio – tutti i newyorchesi saranno in grado di godersi una passeggiata nel parco o un giorno alla spiaggia senza essere costretti a respirare fumo passivo”. Appassionato nemico del fumo, come molti ex fumatori, il sindaco aveva già affrontato una prima battaglia anti sigaretta (con molto meno supporto) già nel 2003, quando, contribuendo a cambiare completamente i comportamenti dei cittadini e dei visitatori, aveva vietato il fumo nei bar e nei ristoranti. Questa volta, invece, tocca a Central Park e Coney Island e a tutti i luoghi all’aperto “ad alta concentrazione umana”, il che, a Manhattan lascia davvero poco spazio agli amanti delle “bionde”.

Con 22 chilometri di spiagge, 1.700 fra parchi pubblici e parchi giochi, è facile capire il campo di azione per il fumatore si riduca in maniera impressionante, a vantaggio oggettivamente di un’aria più respirabile e, soprattutto, meno pericolosa. La multa per coloro che, fingendo di non sapere o incapaci di resistere al richiamo della boccata di nicotina, non rispetteranno il divieto, sarà di 250 dollari. Furiosi molti fumatori accaniti, già costretti a pagare un pacchetto fra gli 11 e i 15 dollari che mettono in dubbio la relazione fra il funo passivo e una serie di malattie. Eppure Thomas Farley, della commissione Salute del Comune, ricorda che circa 7.500 newyorchesi muiono ogni anno proprio per le conseguenze del fumo passivo e che, quindi, rendere l’aria più responsabile non è affatto una decisione “secondaria”. “Niente fumo e niente alcol, fra poco anche niente chiacchiere, così un fumatore arrabbiato si esprime a proposito della decisione di Bloomberg contestata con la stessa veemenza di quella di dare il proprio supporto alla Moschea.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La paura del velo

next
Articolo Successivo

B. al pranzo della Ue spara cifre sulla politica italiana. Le Monde: “Non si capiva nulla”

next