”Se me lo dice Bossi, rimuovo i simboli non domani, ma ieri”. Così il sindaco leghista di Adro, Oscar Lancini, ha spiegato cosa intende fare dopo che il ministro della Pubblica Istruzione Mariastella Gelmini lo ha invitato a rimuovere il simbolo del Sole delle Alpi dalla scuola. Lancini ha però aggiunto: “Se lo tolgo dalla scuola, allora faccio lo stesso con gli edifici pubblici su cui è presente da secoli. Altrimenti niente”.

Il sindaco si è poi detto sorpreso dalle parole di Umberto Bossi, che sui simboli con il Sole della Alpi aveva detto: “Il sindaco forse ne ha messi troppi. Avrebbe potuto farne uno bello, che bastava”. Secondo il senatùr, “questi simboli, la Lega li ha fatti diventare politici, ma sono graffiti delle Alpi. E a Brescia ce ne sono tantissimi”. Dello stesso avviso il ministro degli Interni Roberto Maroni, che ha commentato: “Intitolare la scuola a Miglio è stata una grande idea ma io mi sarei fermato lì”.

Questa la risposta del sindaco Lancini alla critica del leader della Lega: “Sono sorpreso di quello che ho letto sui giornali. Io comunque ho ricevuto i complimenti dei vertici del partito”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Buon compleanno: una giornata nella redazione del Fatto

prev
Articolo Successivo

Svezia al voto, centrodestra senza maggioranza. Seggi pure per partito xenofobo

next