La magistratura svedese ci ripensa e ha deciso di aprire un’inchiesta per stupro contro il fondatore del sito internet Wikileaks, Julian Assange. “Vi sono delle ragioni per pensare che è stato commesso un reato. In base alle informazioni attualmente disponibili – spiega la responsabile della procura, Marianne Ny – il mio avviso è che la classificazione del crimine è ‘stuprò”. La procura all’inizio, infatti, aveva deciso di non procedere per il reato di violenza sessuale ma solo per quello di molestie.

Una vicenda molto bizzarra l’aveva definita in questi giorni Leif Silbersky, avvocato del fondatore Wikileaks Julian Assange, il cyber attivista diventato famoso per aver pubblicato sul sito migliaia di documenti segreti sulla guerra in Afghanistan. Assange è stato interrogato dalla polizia in Svezia dove è accusato di violenza sessuale. Secondo l’avvocato, che aveva assistito all’interrogatorio, il colloquio era stato positivo e si diceva certo che la procura avrebbe ritirato le accuse. Contro il numero uno di Wikileaks nei giorni scorsi era stato spiccato un mandato di cattura per stupro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cibi avariati, maxi sequestro a Taranto

next
Articolo Successivo

Il Consiglio di Stato conferma lo stop agli aumenti dei pedagi in autostrada

next