La magistratura svedese ci ripensa e ha deciso di aprire un’inchiesta per stupro contro il fondatore del sito internet Wikileaks, Julian Assange. “Vi sono delle ragioni per pensare che è stato commesso un reato. In base alle informazioni attualmente disponibili – spiega la responsabile della procura, Marianne Ny – il mio avviso è che la classificazione del crimine è ‘stuprò”. La procura all’inizio, infatti, aveva deciso di non procedere per il reato di violenza sessuale ma solo per quello di molestie.

Una vicenda molto bizzarra l’aveva definita in questi giorni Leif Silbersky, avvocato del fondatore Wikileaks Julian Assange, il cyber attivista diventato famoso per aver pubblicato sul sito migliaia di documenti segreti sulla guerra in Afghanistan. Assange è stato interrogato dalla polizia in Svezia dove è accusato di violenza sessuale. Secondo l’avvocato, che aveva assistito all’interrogatorio, il colloquio era stato positivo e si diceva certo che la procura avrebbe ritirato le accuse. Contro il numero uno di Wikileaks nei giorni scorsi era stato spiccato un mandato di cattura per stupro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cibi avariati, maxi sequestro a Taranto

prev
Articolo Successivo

Il Consiglio di Stato conferma lo stop agli aumenti dei pedagi in autostrada

next