L’Udc risponde duramente agli attacchi della Lega Nord. “Che Bossi, noto trafficante in banche e quote latte, insulti l’Udc – si legge in un comunicato della segreteria nazionale del partito di Casini – lo riteniamo molto utile per far capire agli italiani chi ostacola davvero i suoi progetti di occupazione del potere”. Il comunicato dei centristi poi prosegue sul tema del federalismo: “Si svegli chi ha votato questa legge sul federalismo, che è solo uno spot per la Lega, e chi nel governo viene messo sempre più ai margini dal Carroccio”. Dichiarazioni che giungono dopo le accuse rivolte dal leader del Carroccio, Umberto Bossi a Pierferdinando Casini. Bossi, ha dichiarato la sua ferma contrarietà a un rientro dell’Udc nella maggioranza. Il Senatur aveva affermato aveva dato “del trafficone” a Casini, rincarando: “Se entra Casini è peggio che avere Fini”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Se l’Italia ha bisogno di fascismo

next
Articolo Successivo

La proposta di Fli a Berlusconi
“Nuovo governo con i centristi”

next