L’ex roccaforte rossa è reduce dal caso Delbono, l’ex sindaco dimessosi in gennaio dopo le accuse dell’ex segreteria e amante, Cinzia Cracchi. Nella città che fu governata da Guazzaloca e da Cofferati si parla ancora del dialogo che, il 2 agosto scorso, le telecamere del Corriere Tv hanno rubato a Bersani e al segretario del Pd cittadino, Donini. Nel filmato, i due bocciano i potenziali candidati Luciano Sita, ex presidente della Granarolo, e Duccio Campagnoli, ex assessore regionale. E, soprattutto, Maurizio Cevenini, consigliere regionale e recordman di preferenze, che rimane la principale opzione del Pd. “Un cavallo di razza” come l’ha definito Donini, cercando di spegnere le polemiche. Ma nell’aria aleggia anche il nome di Guazzaloca: l’ex sindaco eletto dal centrodestra che piace anche ad una parte del centrosinistra. E qualcuno ipotizza anche il nome di Anna Maria Cancellieri, il commissario prefettizio che ha riempito il vuoto lasciato da Delbono. Nessuno, dicono in molti, ha mai governato così la città.

Voi cosa ne pensate? Chi candidereste come sindaco di Bologna?


Per poter redigere una classifica esatta dei vari candidati da voi segnalati, ed evitare che i soliti disturbatori professionisti facciano i furbi votando più volte la stessa persona, abbiamo aperto qui sotto un form.
Per votare inserite il nome e il cognome del vostro candidato e la vostra e-mail. Dopo aver inviato la segnalazione premendo l’apposito tasto, vi verrà inviata una e-mail di conferma contenente un link.
Solo dopo aver cliccato sul link il vostro voto sarà conteggiato.

Per spiegare le ragioni che vi hanno spinto alla segnalazione potete usare i commenti

Nota bene
I voti raccolti nei giorni scorsi verranno conteggiati manualmente tenendo conto delle eventuali ripetizioni

[[petition-13]]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Francesco Cossiga. A noi piace ricordarlo così

prev
Articolo Successivo

Ma una cucina vale una banca?

next