“I miei avvocati hanno chiesto ai magistrati di ascoltarmi. Io rispondo dei fatti e di fatti non ne ho commessi”. Così il sottosegretario alla Giustizia, Giacomo Caliendo, risponde, in Transatlantico, ai giornalisti che gli chiedono se ha intenzione di dimettersi dopo che le opposizioni son tornate alla carica con la mozione di sfiducia nei suoi confronti. “Tutti avete letto l’ordinanza – ha aggiunto Caliendo – e lì si capisce che in quella riunione in cui si è parlato di Lodo Alfano io non c’ero”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Giornale di Feltri indaga su Fini. E spunta una casa monegasca

next
Articolo Successivo

Nuova P2, Verdini si difende e su Dell’Utri:
“Mai scaricato una persona per bene”

next