Scontri violenti a Toronto nel giorno di apertura del G20: incendiate due vetture della polizia e sfondate diverse vetrine nel centro della città. Alle proteste hanno partecipato oltre diecimila persone ma al centro delle violenze solo un piccolo gruppo di black bloc. Gli organizzatori della ‘people’s first march’, la prima marcia del popolo, appartenenti al Toronto Community Mobilization Network, avevano dichiarato di sperare in una manifestazione pacifica. Tra i manifestanti pacifici che hanno sfidato la pioggia c’erano i sindacati dei lavoratori, gruppi per la difesa dell’ambiente, dei diritti dei nativi, dello sviluppo internazionale.

E così è stato fino a che il gruppo dei black bloc non si è staccato dalla manifestazione. Chiusa la metropolitana nella zona del centro, chiuse le banche e sospesi alcuni servizi di trasporto, il gruppo ha ingaggiato scontri con la polizia, iniziato a rompere vetrine tra banche, negozi e ristoranti delle catene McDonalds e Starbucks. Tra graffiti e bombolette un furgone e un’auto della polizia sono stati dati alle fiamme nel distretto finanziario. Protagonista di queste azioni un piccolo gruppo di un centinaio di persone armato di bastoni, martelli e vanghe. Nell’iniziale assenza della polizia, poi intervenuta massicciamente, attaccati anche i van dei canali tv Ctv e Cbc (la tv di stato canadese).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brancher? Ci “prende in giro”

prev
Articolo Successivo

Propaganda Fide, il Vaticano ammette gli errori

next