«Il videogioco è un gioco le cui regole sono gestite automaticamente da un dispositivo elettronico che utilizza un’interfaccia uomo-macchina basata sul display come sistema di output», Wikipedia

Tutto cominciò con i primi esperimenti tra gli anni cinquanta e sessanta, quando in alcuni college americani come il MIT vennero approntati i primi sistemi computer-schermo. Ralph Baer, vero e proprio “papà” del videogioco, riuscì a creare nel ‘68 il primo prototipo di quella che sarebbe poi diventata la prima console da casa: il Magnavox Odyssey. Con la nascita di Atari nel ‘72 e del mitico PONG si ebbe il primo, reale, boom del videogioco, e da allora le varie case di produzione, Commodore, Nintendo, Sega e altre, si sono scontrate per il predominio assoluto nel settore, dando luogo dagli anni ’80 ad una vera e propria guerra (da qui il termine «Console war»).

Dallo scontro, e come risultato di questa spietata concorrenza, nacque verso la metà degli anni ’90 Playstation di Sony, originata da un contratto fallito con Nintendo per la creazione di un disk drive a cd-rom per il SuperNES.  Alla fine del millennio, grazie soprattutto alla Playstation 2, la diffusione di console e videogiochi divenne un fenomeno di massa che ancora adesso non accenna a perdere colpi.

Ad oggi, i concorrenti in gara sono tre: Nintendo, ormai veterana, che è riuscita ad imporsi con la sua Wii e il suo nuovo sistema di controllo Wii remote; Microsoft, la nuova arrivata, che imparando dai suoi (tanti) errori è riuscita a ritagliarsi una grossa fetta di mercato con la sua Xbox 360 e il suo servizio online Xbox Live; Sony, ultima per numero di vendite nonostante l’uscita di Playstation 3 con blu-ray, è costretta ormai ad inseguire le altre.

Soltanto all’inizio, il mondo dei videogiochi ci riserva ancora tantissime sorprese, le prime proprio nei prossimi mesi a venire. Se volete saperne di più googlate “E3”… ne vedrete delle belle.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Radical games, quando il videogioco diventa contestazione sociale

next
Articolo Successivo

Innovazione in tutte le lingue del mondo

next