/ / di

Nando dalla Chiesa Nando dalla Chiesa

Nando dalla Chiesa

Docente universitario, scrittore e politico

Mi piace la democrazia e ho cercato di darmi da fare per lei in tanti modi, anche se non ho ancora capito se lei me ne sia grata. Sono del Pd ma sono soprattutto un democratico senza aggettivi. Sono un sociologo, laureato in economia alla Bocconi, insegno a Scienze Politiche di Milano e collaboro con diversi giornali. In particolare mi onoro di essere tra i collaboratori del Fatto diretto da Antonio Padellaro. Da cinque anni sono anche editore di Melampo, la casa editrice che ho fondato insieme a Lillo Garlisi e Jimmy Carocchi, miei allievi bocconiani arrivati al successo nell’editoria per i fatti loro. Faccio pure del teatro. Comico e soprattutto civile. Infine, mi piace fondare. Mica solo la casa editrice. Ho fondato un circolo di nome “Società civile” nella Milano degli anni Ottanta. Poi, con il mio amico Gianni Barbacetto, ho fondato il mensile omonimo, grande esperienza giornalistica fatta da ragazzi irripetibili. Ho fondato con Leoluca Orlando e Diego Novelli la Rete, un movimento che diede agli inizi degli anni Novanta dignità politica nazionale all’idea che si dovesse combattere la mafia. Ho fondato il piccolo movimento di Italia democratica, anche quello con mensile, che confluì nell’Ulivo battendosi contro il razzismo e la secessione. E pure Omicron, rivista sulla criminalità organizzata al nord, sempre con Gianni Barbacetto. E il comitato di parlamentari “La legge è uguale per tutti” per fronteggiare l’offensiva del signor B.; un comitato alla testa di tante manifestazioni degli anni dei girotondi e che ha prodotto l’unica esperienza di teatro civile al mondo fatto da parlamentari. Ho anche fondato con Fabio Zanchi e Lidia Ravera il Mantova Musica Festival, nato per contestare Sanremo finito nelle mani di Tony Renis e poi ripetuto gloriosamente per altre quattro edizioni. Ho pure fondato, con una quarantina di lettori del mio blog, la Scuola di formazione politica “Antonino Caponnetto”. Non ho fondato “Libera”, la bellissima associazione di don Ciotti, ma ho l’orgoglio di esserne stato eletto presidente onorario. Soprattutto ho fondato una famiglia con Emilia. Ne sono nati Carlo Alberto e Dora, i miei gioielli, che se li avesse visti Cornelia ne sarebbe rimasta folgorata, altro che i suoi Gracchi, con tutto il rispetto.

Blog di Nando dalla Chiesa

Mafie - 12 luglio 2017

Questo Falcone perseguita i mafiosi anche da morto

Un guerriero non infierisce sul nemico che ha ucciso. Né sul corpo, né sull’immagine. A meno che non lo odi ossessivamente per le sconfitte e le disfatte che il morto gli ha inflitto da vivo, o non ne abbia ancora un sacro e viscerale terrore. Ho pensato semplicemente questo quando ho saputo che allo Zen […]
Mafie - 13 luglio 2016

Bernardo Provenzano morto, nessun perdono per un latitante della vita

Bernardo Provenzano è morto. Non riesco a provare nulla. Ho sempre pensato ai mandanti dei delitti che hanno insanguinato Palermo e che hanno straziato la vita di centinaia di persone, molte volte innocenti, come a persone senza sguardo, anche se con lo sguardo potevano decidere un assassinio. Addirittura a persone senza volto, anche se i loro volti erano ansiosamente cercati […]
Giustizia & Impunità - 2 maggio 2016

Milano, ristorante ai Navigli: il comizio del tangentaro è compreso nel menù

Questa è una storia da pazzi che può capitare solo in un paese da pazzi. È ambientata in un ristorante milanese, zona Navigli. Ci arrivo alle nove di sera, appuntamento in famiglia. Mi siedo dando le spalle al tavolo messo in perpendicolare dietro al nostro e in un minuto mi rendo conto che ne provengono […]
Politica - 5 febbraio 2016

Primarie Milano 2016: benvenuti in città, ma silenzio su Sala

Milano. Qui una volta c’era l’opinione pubblica. Proprio come uno se la studia sui libri. Tanti centri di potere. Economici, politici, editoriali, culturali, scientifici, professionali, giudiziari, religiosi. Tante voci indipendenti. C’era sempre una umanità influente che diceva la sua, anche se sgradita ai vari poteri, “tanto non dipendo da nessuno”. Ecco, non c’è più. Ha […]
Mafie - 22 gennaio 2016

L’antimafia non è mai stata così viva

Ma come sta il movimento antimafia? Signore e signori, scoppia di salute. Il fatto è che chi sostiene che sia alla frutta, ormai lacerato da polemiche e scandali, sembra venire da un altro pianeta. O non avere un’idea della storia di questo Paese. È da più di trent’anni, da quando è nato un nuovo movimento […]
Mafie - 4 giugno 2015

Mafia, la ridicola libertà del boss Lampada

Stavolta niente coni d’ombra, di quelli che a cicli regolari aiutano i clan. Nemmeno il terremoto elettorale può far dimenticare l’incredibile perizia che ha spedito per dieci anni agli arresti domiciliari, anziché tenerlo in carcere, il presunto boss Giulio Lampada, condannato in appello a 14 anni ed esponente di punta della famiglia reggina che, imparentata […]
Mafie - 24 maggio 2015

Beni confiscati: lo Stato non c’è, a Cisliano i ragazzi difendono ‘La Masseria’

E d’ora in poi non saranno più solo chansons de geste calabresi o siciliane. Perché una di quelle storie che ci giungono dal Sud di coraggio e di rivolta è a un passo da Milano. A Cisliano, hinterland milanese nei pressi di Trezzano sul Naviglio. È qui, proprio nel cuore del profondo Nord, che da quasi […]
Mafie - 22 febbraio 2015

Mafia in Emilia, anche qui chi denuncia ‘getta fango’

E ci risiamo. Di nuovo lei, l’autotrasportatrice con i pantaloni a fiori e i boccoli gentili. Il Fatto ne raccontò la storia due anni fa auspicando che nelle sue battaglie non venisse lasciata sola. Facili profeti. Il momento è arrivato, perché queste cose hanno una loro inesorabile puntualità. Bastano l’aria e il pretesto. Lei è […]
Cervelli in fuga - 2 febbraio 2015

Berlino: Marta, 20 anni, un bar per scansare la noia di Ascoli

Una bandiera rossa sventola, lacera e malinconica, sulla ciminiera. La neve ingentilisce lo squallore spettrale di questo angolo di Berlino Est, tra pareti altissime di nudi mattoni e finestre bianco sporco allineate disciplinatamente tra le strade intitolate ai miti del socialismo: Karl Liebknecht, Rosa Luxemburg, Karl Marx. Per paradosso felice è qui, in Schonhauser Allee, […]
Scienza - 24 novembre 2014

Medicina ‘umana’ a tempo determinato: la storia di Ketti

Le emozioni. Che fanno tremare la voce. E la scienza. Che la rende inflessibile. E chi ha detto che non possono diventare la stessa cosa? Basta parlare con Ketti, ricercatrice allo Ieo, l’Istituto europeo di oncologia, sedersi in ascolto della sua vita e dei suoi progetti e ci si convince che è possibilissimo. Conquistati da […]
Totò Riina, la decisione dei giudici di Milano: “Il boss è capace d’intendere e di volere. Può essere processato”
Camorra, 16 arresti tra Emilia Romagna e Campania. In carcere un bancario: ‘Aiutò a riciclare’. Bloccati 700 milioni di euro

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×