Polemica al fulmicotone a Omnibus (La7) tra il deputato Pd, Gennaro Migliore, e il parlamentare Mdp, Arturo Scotto, sulla legge elettorale. Migliore accusa il suo ex compagno di partito e il deputato M5S, Alessandro Di Battista, di esagerare con le parole: “Stando a quanto dicono loro, francamente ho perso il conto di quanti attentati alla Costituzione abbiamo fatto. Ogni volta che non sono d’accordo c’è un attentato alla democrazia“. “E allora perché avete messo la fiducia sulla legge elettorale?” – chiede Scotto – “Perché lo avete fatto per la seconda volta in una stessa legislatura, come nel fascismo?”. “Non ti ho interrotto” – replica il sottosegretario alla Giustizia – “Vedo che c’è un certo nervosismo. Noi stiamo seguendo l’indicazione data dal presidente della Repubblica, cioè quella di trovare la massima convergenza anche con le forze di opposizione, di cui non fate parte solo voi”. “Mattarella non ha mai detto di mettere la fiducia” – commenta Scotto – “Mi auguro che tu non sappia cose che noi non sappiamo”. “Scotto, ti vedo troppo nervoso”, ribadisce Migliore. La polemica poi verte sul voto segreto, che, secondo Migliore, è stato chiesto da Mdp proprio per sabotare la legge elettorale. “E allora vuol dire che avete accordi politici molto fragili“, osserva Scotto. “La differenza è che voi volete una legge elettorale scritta dalla Corte Costituzionale” – ribatte Migliore – “noi vogliamo che sia scritta dal Parlamento”. “Tanto ve la bocceranno per l’ennesima volta”, replica il deputato Mdp. “Vedo che sei diventato pure costituzionalista” – commenta Migliore – “La verità è che questa legge non vi piace, perché i cittadini possono scegliere sul loro territorio, nel collegio, senza avere nessun capolista bloccato“. “Ma che stai dicendo, Gennaro?” – obietta Scotto – “Avete previsto 700 nominati. Ma dove sta questa possibilità di scegliere da parte dei cittadini? Si passa dai 500 nominati del Tedeschellum ai 500 nominati dell’Italicum fino ai 700 nominati della vostra merdata“. “Se parli così, i cittadini si allontanano da te” – controbatte Migliore – “Te lo do come consiglio: stai calmo“. “La gente vuole scegliere i deputati, non vuole che li nominate voi” – sottolinea Scotto – “A voi piacciono i nominati. Questa è la differenza tra Mdp e Pd”. Il deputato Pd ribatte: “Vi dovete presentare nei collegi a prendere i voti. Quanti ne eleggerete nei collegi? Questo è il problema”. La conduttrice Gaia Tortora commenta, rivolgendosi a Migliore: “Ma allora avete voluto questa legge elettorale per farli fuori davvero”. “Certo” – ribadisce Scotto – “vogliono far fuori noi e il M5S