Dice che il “modello Palermo” è un progetto perdente, che Fabrizio Micari non vincerà mai, che Leoluca Orlando ha primeggiato solo grazie alla legge fatta da lui. È un Rosario Crocetta a ruota libera quello prova a rompere l’idillio tra il Pd e Angelino Alfano in vista delle elezioni regionali siciliane. Matteo Renzi e il suo ex ministro dell’Interno hanno trovato da 48 ore l’accordo per candidare Fabrizio Micari alla presidenza dell’isola. Il governatore uscente, però, non ci sta: e per far saltare gli accordi già stretti ha convocato una conferenza stampa all’hotel delle Palme di Palermo subito dopo essere tornato da Roma.

Ieri i retroscenisti avevano raccontato di un incontro tra Crocetta e il segretario del dem: un faccia a faccia in cui il governatore avrebbe minacciato di spaccare il centrosinistra se non avesse avuto in cambio un seggio blindato alle politiche del 2018. Tutto falso: Crocetta nella capitale non ha mai incontrato Renzi. Ha visto il segretario siciliano del Pd, Fausto Raciti. E dodici ore dopo ha deciso di ribellarsi al suo stesso partito davanti ai giornalisti.

“Sulla base dell’articolo 18 comma 5 dello Statuto del Pd io sono il candidato legittimo che il Pd avrebbe dovuto proporre gli alleati. Non c’è alternativa alle primarie: il tempo c’è facciamo ancora in tempo a indirle”, è la richiesta che l’ex sindaco di Gela fa al Nazareno. Ma a due mesi dalle elezioni regionali l’ipotesi primarie sembra impraticabile. Ecco quindi che il governatore minaccia il suo stesso partito. “Se qualcuno pensa che Rosario Crocetta sia l’ideologo della divisione del centrosinistra si sbaglia alla grande. Ma non ho paura della corsa in solitaria”, dice. Traduzione: senza primarie è pronto a correre da solo contro il candidato del Pd. Un bel problema per i dem che dopo aver perso il sostegno di Mdp e Sinistra italiana (fuggiti alla vista di Alfano) adesso rischiano di spaccarsi ulteriormente.

Per Crocetta, però, la candidatura di Micari non è pensata per vincere le elezioni: tutt’altro. “Io credo che il progetto Micari sia perdente: non cammina con le gambe della società e dei partiti della coalizione, è un progetto destinato a perdere, una sconfitta annunciata. Un elezione del presidente della Regione non è un concorso a cattedre né per titoli. Alcuni autocrati non hanno l’obiettivo di vincere le elezioni ma hanno l’obiettivo di fare fuori Rosario Crocetta: è un gioco sulle spalle della Sicilia. Micari se è convinto che non è così, si misuri con le primarie”.

Uno il nome più volte bersaglio degli strali del presidente: quello del sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, regista della candidatura del rettore.  “Il progetto Micari è un progetto nato a Roma con Leoluca Orlando che ha fatto esattamente la stessa cosa che ha fatto con le amministrative. È andato a Roma, si è fatto candidare dal Pd e poi ha detto che era civico, noi gli abbiamo fatto una legge che con il 40% vinceva e poi ha fatto tutto da solo. Io non posso accettare che la Sicilia venga commissariata da Roma”. In platea, ad ascoltarlo, oltre il senatore Giuseppe Lumia, ecco il segretario organizzativo del Pd in Sicilia, Antonio Rubino: “Mi sembra che la parola che il Presidente ha pronunziato più volte sia unità – dice – lo considero un segnale importante e lavoreremo per evitare ulteriori rotture che non servono al centrosinistra”.