Tentativo di sgombero da parte delle forze dell’ordine, dell’accampamento di via Curtatone a Roma. Clima teso tra i rifugiati, soprattutto eritrei, al grido di “Siamo rifugiati, non terroristi. Vogliamo una casa” e la polizia in tenuta antisommossa. Chi è rimasto nel palazzo – donne, bimbi e anziani – ha lanciato oggetti dai balconi e riposto bombole a gas sui davanzali. La trattativa per liberare piazza Indipendenza, accanto alla centralissima stazione di Termini, per il momento ha portato a un nulla di fatto.