Mario Balotelli fermato in autostrada mentre viaggiava a 200 chilometri all’ora. A renderlo noto è il Giornale di Vicenza, che racconta come a bordo della sua Ferrari il calciatore sia stato notato da una pattuglia della polizia stradale di Vicenza, che lo ha inseguito e fermato all’altezza dell’autogrill di Limenella, sull’A4 in provincia di Padova. Sul suo profilo Instagram Balotelli ha però smentito l’episodio, avvenuto sabato: “Siccome a 200 all’ora in autostrada si va sul penale, non è vero“. “Sarò sicuramente stato segnalato da persone ovviamente gelose, forse della macchina”, ha aggiunto.

Sempre secondo quanto riportato dal quotidiano, l’ex attaccante di Inter e Milan, ora in forza al Nizza, è rimasto tranquillo e si è subito scusato:”Non pensavo di andare così forte – avrebbe detto ai poliziotti – è un attimo raggiungere i 200 all’ora con questa macchina”. Il calciatore era in compagnia di un amico che guidava una Lamborghini: la corsa a 200 all’ora è costata loro solo una multa e la decurtazione di cinque punti dalla patente. Infatti, spiega il Giornale di Vicenza, i poliziotti non hanno potuto ritirare la patente a Balotelli perché non avevano fissato l’andatura con l’autovelox.