Il tormentone Neymar potrebbe essere alla fine. E sarà probabilmente l’inizio di una rivoluzione nel calciomercato di quest’estate, ma non solo. Le cifre, innanzitutto: 220 milioni di euro al Barcellona per il passaggio del brasiliano al Paris Saint-Germain, 300 lordi al giocatore per 5 anni di contratto. Una spesa che manda in frantumi i ‘Mister 100 milioni’ Paul Pogba e Gareth Bale, doppiati dal valore del sudamericano. Gli incastri, adesso: perché il trasferimento più costoso della storia scatena altri movimenti che coinvolgono gli attaccanti più in vista nel panorama europeo, da Coutinho a Dybala fino a Greizmann. Le modalità del passaggio di Neymar ai francesi, infine, sono un’altra novità assoluta: con intrecci che vanno dalla volontà del club francese – ovvero di Qatar Sports Investment – di avere un uomo-copertina, fino ai Mondiali in Qatar passando per la situazione complessa nel Medio Oriente dove molti equilibri passano proprio per l’emirato. Tradotto: una stella del calcio (anche) come arma di soft power.

Tutto è diventato chiaro mercoledì mattina, quando Neymar non ha preso parte alla seduta di allenamento annunciando ai compagni di squadra che averebbe lasciato il club per andare a giocare al Paris Saint-Germain. Il tecnico del Barça Ernesto Valverde aveva concesso alla squadra due giorni di riposo dopo il tour americano ed aveva convocato i giocatori per oggi per una doppia seduta di allenamento. Neymar, che ha usato queste vacanze per partecipare ad alcuni eventi promozionali in Cina, è stato convocato come i suoi compagni ed è stato l’ultimo a raggiungere la Ciutat Esportiva, il complesso sportivo dove si allenano i blaugrana, poco dopo le 9.

Una quarantina di minuti più tardi il giocatore ha lasciato la sede del Barça dopo aver comunicato ai compagni di squadra e allo staff tecnico la sua intenzione di trasferirsi al Psg. Un annuncio che era ormai nell’aria, visto che Neymar sarebbe atteso venerdì a Parigi per la firma e presentazione. In questi giorni molti giocatori del Barcellona hanno cercato di persuaderlo a restare ma è stato tutto inutile. In attesa quindi dei movimenti tra i due club, il giocatore ha già preso la sua decisione. Il Barcellona via Twitter ha poi spiegato che il brasiliano Neymar “non si è allenato con il permesso del tecnico” Valverde. La presentazione del giocatore brasiliano con il Psg è prevista, secondo i piani del club francese, per venerdì 4. È il momento in cui si entrerà ufficialmente in una nuova dimensione del calcio.

 

Sulla cessione del talento brasiliano è intervenuta anche la Uefa in merito a eventuali violazioni delle regole del fair play finanziario da parte del club transalpino: “Il trasferimento di Neymar al Psg avrà effetti sulle finanze del club per diversi anni, ma l’impatto di tale operazione non può essere giudicato in anticipo, in particolare perché il Psg potrebbe vendere diversi giocatori a una somma significativa”. Il Barcellona ha confermato la volontà del giocatore di andarsene e ha ribadito che per averlo il Psg dovrà pagare per intero la clausola rescissoria di 222 milioni. “Non abbiamo ricevuto denunce da parte di nessuno su questo tema – spiega la Uefa – Tutti i club europei devono rispettare le regole del fair play finanziario e dimostrare di non avere perdite di oltre 30 milioni di euro per tre anni. Nell’ambito del continuo monitoraggio dei club, la Uefa esaminerà i dettagli di questo trasferimento a tempo debito per garantire che il Psg sia in regola con i requisiti del fair play finanziario. Faremo quindi i calcoli alla fine per assicurare che le regole vengano rispettate”.

Clausola che, stando a quanto dichiarato dall’agente del giocatore, sarà pagata nel giro di pochi giorni: “Il Psg pagherà la clausola rescissoria e Neymar sarà presentato a Parigi questa settimana”. È quanto assicura Wagner Ribeiro, agente dell’attaccante brasiliano, intercettato dai cronisti all’aeroporto di Barcellona in attesa di prendere il volo per Londra. Insieme al procuratore, lo stesso Neymar e il padre di quest’ultimo. Da Londra, il trio si trasferirà a Parigi: non si conosce ancora il tempo che trascorreranno nella capitale britannica. Secondo il canale francese Bfmtv, il piano del Psg è quello di far sostenere domani le visite mediche al nuovo acquisto, in modo da passare alla firma del contratto e poterlo presentare prima della prima partita di campionato, sabato contro l’Amiens al Parco dei Principi.