“Ho barato un po’, perché in realtà compio 90 anni l’anno prossimo“. Con questa battuta il giornalista Piero Angela esordisce nella intervista rilasciata a Gaia Tortora per Omnibus (La7), in occasione dell’uscita del suo ultimo libro autobiografico, “Il mio lungo viaggio – 90 anni di storie vissute”. Tra aneddoti, racconti personali e i suoi 65 anni in Rai, Angela ripercorre velocemente le tappe della sua vita professionale: “Nel ’68-’69 facevo in Rai il telegiornale, ci fu lo sbarco sulla Luna e lo seguii in tutte le sue fasi. Capitai poi in un laboratorio della Nasa, dove si studiava l’esobiologia, cioè la possibilità della vita fuori dalla Terra. Quello fu un pretesto per capire come era nata la vita sulla Terra e lì c’era tutto: geologia, biochimica, paleontologia. E quindi mi sono innamorato. Mi dissi: ‘Questo voglio fare da grande’. Così lasciai il telegiornale e da allora ho fatto solo documentari. Il primissimo documentario, quasi amatoriale, che feci risale al 1951. E’ dal 1952 che lavoro in Rai tutti i giorni“. E aggiunge: “Negli anni è cambiata molto la Rai: prima c’era una sorta di identificazione delle professioni, che poi si è un po’ persa. E c’era anche una certa dignità nel lavoro, che ora è decisamente inferiore”. Poi sottolinea: “La scienza non è democratica, non ha punti di vista. Non è che ognuno ha una sua idea. E lì, rispetto alla politica, si va più d’accordo, perché due più due fa sempre quattro. L’omeopatia? In quel caso parliamo di pseudo-scienza. Ho fatto lunghe battaglie, perché anche questo rientra in quella categoria dell’emotività. Il ‘pensiero magico’ attira“. Infine, Angela si esprime su quella che è la caratteristica primaria che deve possedere un giornalista televisivo: “Quando lavori in televisione, soprattutto nel servizio pubblico, ti devi spogliare delle tue idee e delle tue passioni. Devi, cioè, cercare di essere obiettivo. Il fatto è che ognuno pensa di essere obiettivo, dicendo cose diverse. Ma l’obiettività sta nell’onestà di ciascuno”