Falso allarme bomba a Milano in viale Restelli, proprio di fianco al palazzo della regione Lombardia.  Le verifiche delle forze dell’ordine e dei vigili del fuoco sono scattate dopo la segnalazione di una passante che ha visto due individui aprire un tombino per introdurvisi. Sul posto sono intervenuti anche gli artificieri. Gli agenti e i vigili hanno dapprima recintato l’area per poi aprire uno dei tombini in modo da controllare se qualcuno fosse davvero entrato nei condotti fognari. Successive verifiche hanno consentito di stabilire che a introdursi nel sottosuolo erano stati due operai scesi da un’auto la cui targa straniera è risultata riferibile a una ditta che ha in appalto alcuni lavori nella rete fognaria.