Il viceministro allo Sviluppo economico, Ivan Scalfarotto, sarà il primo membro del governo a beneficiare della legge sulle unioni civili: sabato 20 maggio si unirà al suo compagno Federico Lazzarovich davanti all’assessore alle Politiche sociali del Comune di Milano, Pierfrancesco Majorino. Avrebbe voluto tenere lontana la stampa da “una cosa così privata” ma alla fine lo ha annunciato lui stesso su Facebook, riprendendo un pezzo di Repubblica, dove il sottosegretario ha parlato dal summit sulla Via della Seta a Pechino.“È solo la conclusione di un percorso, in ritardo” ha dichiarato, visto che “conviviamo da 11 anni, ormai siamo una coppia attempata”. Tuttavia ha precisato che “non si doveva sapere”.

Scalfarotto ha legato il suo nome al disegno di legge contro l’omofobia, di cui era primo firmatario: approvato dalla Camera nel 2013 e ancora fermo in Senato. Pochi giorni fa sul suo blog aveva “festeggiato” il primo anno dalla promulgazione della legge sulle unioni civili, scrivendo “un atto di giustizia e di equità, un passo avanti per tutto e per tutti…Buon compleanno civiltà“.

Subito dopo la promulgazione della legge aveva detto di essere in attesa della “proposta” ufficiale, che alla fine è arrivata. Scalfarotto sta rientrando dalla Cina per prepararsi al grande evento: “Insomma, eccoci qua, ci siamo quasi. Giusto il tempo di tornare a casa da Federico da qui, dall’altra parte del mondo”.