Con i gufi abbiamo già dato, ora serve umiltà“. Dal comitato di Andrea Orlando, dopo la netta vittoria di Matteo Renzi alle primarie Pd, è Gianni Cuperlo a invitare il neosegretario a evitare nuove forzature. “Mi auguro che si faccia una riflessione sugli errori e i limiti alle nostre spalle. Sono le prime primarie senza un pezzo di partito: bisogna riflettere su quanto è accaduto”, ha spiegato l’ex presidente del partito, che ha sostenuto il ministro della Giustizia alle primarie dem. E ha sottolineato: “L’affluenza? Positiva, anche se in flessione. La partecipazione si è mantenuta al di sopra delle attese anche grazie a orlando che ha tenuto dentro pezzi di elettorato”. Anche l’ex vicepresidente dem Sandra Zampa si è pronunciata a riguardo: “Spero che Renzi non riparta dai gufi, dalla musica del 4 dicembre. Spero che abbia capito. Lo faccio abbastanza intelligente e astuto per capire che è ora di aprire davvero il partito. Altrimenti continueremo a perdere pezzi e faremo un partito sempre più renziano, ma sempre più piccolo. Ma dai dati emerge che il partito ha già subito una trasformazione antropologica: è diventato il Partito di Renzi, come già evocava Ilvo Diamanti”