“Cose” come l’inchiesta di Report sulla vicenda Unità-Eni “meritano solo la firma di una querela”, il Fatto Quotidiano talvolta diventa il Falso Quotidiano, Marco Travaglio chiederà scusa in tribunale. Matteo Renzi va in tv e attacca Report e Il Fatto Quotidiano (che replica: “Ci diffama, lo denunciamo”)A Otto e mezzo le domande si concentrano sui casi che coinvolgono Renzi, i suoi collaboratori, i suoi familiari. A partire dal presunto “scambio tra salvataggio e appalti in Kazakistan” raccontato dall’inchiesta del programma di Rai3. L’ex capo del governo conferma più o meno quello che aveva annunciato il suo avvocato: “Penso che Bonifazi abbia già querelato. È pura follia, l’unica risposta a questa cosa è una firma sotto una querela”. Ma poi c’è ancora la vicenda Consip. Renzi se la prende in particolare con il Fatto: “Travaglio talvolta fa ‘il Falso quotidiano’ e io dei falsi non mi interesso, deve chiedere scusa, lo farà in tribunale” da dove “è scappato” – secondo Renzi –  invece di arrivare a una “conciliazione” in cui “mio padre gli chiedeva 300mila euro”. Paolo Mieli, presente in trasmissione, ha ricordato a Renzi che Travaglio è “intellettualmente onesto” e che le principali inchieste nei confronti dei Cinquestelle sono partite proprio dal Fatto Quotidiano.

Travaglio: “Grave sprezzo del ridico, della verità e del diritto”
Il direttore del Fatto, a nome della testata, ha replicato in una nota all’Ansa: “Con grave sprezzo del ridicolo, il signor Matteo Renzi a Otto e mezzo tenta di spostare l’attenzione dalle indagini – che coinvolgono suo padre e vari suoi amici – sul Fatto quotidiano, che ha l’unico torto di raccontarle”. “Con grave sprezzo della verità – aggiunge – il signor Renzi sostiene che mi sarei sottratto a un’udienza di conciliazione nella causa civile intentata da suo padre al Fatto quotidiano e al sottoscritto per alcuni articoli che riferivano spiacevoli (per lui) verità: si trattava invece di un’udienza di comparizione delle parti, che richiedeva esclusivamente la presenza degli avvocati. Con grave sprezzo del diritto, infine, il signor Renzi dimostra una scarsissima conoscenza della giurisprudenza (in cui peraltro risulterebbe laureato), asserendo che io sarei ‘scappato’ dal Tribunale di Firenze. Si informi presso i suoi avvocati o si trovi qualcuno che capisca di leggi e scoprirà che nelle cause civili non è prevista la presenza dei denunciati, ma solo dei loro avvocati, trattandosi di processi che si celebrano in camera di consiglio sulla base di atti scritti”.

Travaglio conclude ricordando di avere “una lunga esperienza di cause civili, intentatemi da personaggi ben più preoccupanti di lui e del suo babbo, per esempio dal suo co-riformatore costituzionale Silvio Berlusconi che a suo tempo ci provò più volte e uscì regolarmente sconfitto”. “Non ho avuto paura dei Berlusconi, dei Dell’Utri, dei Previti – dichiara il direttore del Fatto – figurarsi se mi spaventano le minacce di questo bulletto e della sua famigliola. Quando sarà denunciato da me e dal Fatto Quotidiano, da lui diffamato come ‘Falso quotidiano’, non mi meraviglierò della sua assenza dal tribunale né lo accuserò di ‘scappare’: preferirò credere che abbia finalmente deciso di mantenere la leggendaria promessa di ritirarsi a vita privata in caso di sconfitta al referendum costituzionale. Sconfitta che, casomai gli fosse sfuggita, si è verificata il 4 dicembre scorso”.

Renzi: “Su Consip i Cinquestelle giochino pulito”
Sulle conseguenze politiche del caso Consip, invece, l’ex segretario democratico si rivolge ai Cinquestelle: “Se vogliono attaccarmi giochino pulito, per il resto mi sono rivolto ad un avvocato per valutare querele. È finita la parte di quello che sta buono e zitto, andremo in tribunale a dire quello che bisogna dire”. Quanto all’aspetto giudiziario in senso stretto “noi non abbiamo alcun tipo di problema: si vada a sentenza. Io ridirò sempre che bisogna rispettare il lavoro dei giudici e si vada a sentenza”. Renzi sottolinea in ogni caso che “se c’è stata una falsificazione di prove è una cosa grave ma non vivo di complotti. Era qualcuno di prima che faceva polemiche contro magistrati, io sono un uomo delle istituzioni, non ho mai proferito una parola contro i magistrati, lo riterrei infamante e non metterei in discussione la fedeltà dei Corpi della stato. Mi sentirei un omuncolo se oggi dicessi ‘avete visto che è successo…'”.

La causa di Tiziano Renzi al Fatto: ecco come è andata
Nell’udienza civile di ieri i legali del Fatto Quotidiano si sono costituiti nel processo presentando una memoria difensiva di cui i legali di Tiziano Renzi hanno preso atto chiedendo al giudice un rinvio per poter presentare le proprie controdeduzioni. Il giudice Prodomo ha fissato la data del 19 ottobre. Contro Il Fatto, il padre dell’ex premier ha querelato in sede civile il direttore del quotidiano Marco Travaglio, il direttore del sito Peter Gomez e due suoi giornalisti (Pierluigi Giordano Cardone e Gaia Scacciavillani) per quella che lui prefigura come una campagna mediatica ai suoi danni, chiedendo appunto un risarcimento di circa 250mila euro. Nel mirino di Renzi senior le inchieste del Fatto sui suoi affari nel ramo degli outlet di lusso, in cui operavano una serie di imprenditori poi finiti indagati proprio per la gestione amministrativa di quegli affari. Tra questi Andrea Bacci, Luigi Dagostino e la famiglia Moretti di Arezzo con Amedeo Moretti è indagato insieme a Dagostino per false fatturazioni. Per questo gruppo di imprenditori, ai quali va aggiunto l’ultimo presidente di Banca Etruria, Lorenzo Rosi, Tiziano Renzi ha ricoperto il ruolo di consulente di alcune società impegnate nel business dei centri commerciali in Toscana (a Leccio Reggello), a Fasano (Brindisi) e a Sanremo.