“Comportamento gravissimo e politicamente insostenibile. Ora la ministra Marianna Madia ha la possibilità di migliorare davvero la Pubblica Amministrazione: dimettendosi”. Libertà e Giustizia firma un appello, pubblicato sull’Huffington post, per chiedere il passo indietro della ministra della Pa dal governo dopo l’inchiesta del Fatto Quotidiano sulla sua tesi di dottorato all’IMT di Lucca. A sostenerlo sono i membri del consiglio di presidenza: Sandra Bonsanti, Lorenza Carlassare, Roberta De Monticelli, Paul Ginsborg, Tomaso Montanari, Valentina Pazè, Elisabetta Rubini, Salvatore Settis, Nadia Urbinati, Gustavo Zagrebelsky. Nelle scorse ore la Madia ha risposto su Facebook pubblicando una copia del suo lavoro e ha aggiunto: “Valuteranno i giudici il danno che ho subito”.

Secondo i firmatari è necessario in ogni caso l’addio della ministra. “Il Fatto“, si legge nel testo rilanciato in rete, “ha documentato che la tesi di dottorato del ministro Marianna Madia contiene intere frasi plagiate da opere di altri autori. Comunque si vogliano conteggiare le percentuali di testo non originale è un fatto molto grave, ed è gravissimo che i grandi giornali italiani non se ne stiano occupando. Perché qui non si tratta di quantità: si tratta di qualità, si tratta di etica“.

Quindi non basta la difesa che si sarebbe trattato solo di una parte. “Il plagio”, continua l’appello, “anche di una sola pagina, non è consentito dalle regole della comunità scientifica internazionale. Il ministro tedesco dell’istruzione, Annette Schavan, aveva plagiato parti della sua tesi di dottorato: il titolo le è stato revocato dall’università di Düsseldorf dove lo aveva conseguito, e il ministro ha presentato subito le proprie dimissioni”. A questo proposito, ricorda Libertà e Giustizia, anche il codice etico dell’IMT di Lucca, dove ha studiato la ministra Madia, “correttamente definisce come plagio ‘la presentazione delle parole o idee di altri come proprie’, specificando che rientra in questo comportamento anche l”appropriarsi deliberatamente del lavoro di altri o non citare correttamente le fonti all’interno del proprio lavoro accademico’”. Sconcertanti, secondo Libertà e giustizia, le frasi di difesa pronunciate dal direttore dell’IMT: “Per questo appaiono sconcertanti le dichiarazioni del prof. Pietro Pietrini, direttore dell’IMT, per il quale si tratterebbe della dimenticanza di ‘quattro parentesi’ e di critiche dettate da una ‘ossessione delle citazioni’. Altro che ossessione! Lo strumento della rete è stato usato dalla dottoranda in modo intellettualmente scorretto e inconciliabile con l’etica della ricerca”.

E concludono chiedendo il passo indietro della ministra Madia: “Ora, questo comportamento – in sé grave e censurabile – diventa gravissimo quando riguarda chi ora è un ministro della Repubblica. Ed è politicamente insostenibile quando riguarda un ministro che ha proposto una riforma della Pubblica Amministrazione che brandisce il vessillo della “meritocrazia” e si propone la caccia ai ‘furbetti’. Ora la ministra Marianna Madia ha la possibilità di migliorare davvero la Pubblica Amministrazione: dimettendosi”.