Duro scontro a La Gabbia Open (La7) tra il vicedirettore del Fatto Quotidiano Marco Lillo e il giornalista dell’Unità Fabrizio Rondolino. Al centro della discussione il caso Consip. Secondo Rondolino la fuga di notizie è l’unico reato sicuro dell’inchiesta, che ha danneggiato le indagini e la reputazione degli indagati: “Nel caso Consip inventato da Woodcock e dal Fatto, non ci sono né soldi né tangenti”. Tesi contestata da Marco Lillo. “Tu dovresti fare il giornalista, racconta i fatti. Io penso che Rondolino, quando parla in televisione, parla pensando a Matteo Renzi che lo guarda e non ai telespettatori”.