Un giovane è stato aggredito, inseguito e violentato da due pakistani nella notte tra lunedì e martedì fuori dalla stazione ferroviaria di Brindisi. Mentre era in attesa di un mezzo, di ritorno da una serata trascorsa con amici, il ragazzo è stato avvicinato da un uomo, che gli avrebbe fatto delle avance sessuali. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, la vittima ha cercato di fuggire fuori dalla stazione, ma lo sconosciuto lo ha inseguito in compagnia di un complice. Raggiunto dai due, è stato spinto in un vicolo e violentato. Il giovane ha tentato di resistere, ma si è trovato in minoranza.

Pochi minuti dopo, probabilmente spaventati da un’auto che sfrecciava in zona con il lampeggiante acceso, i due sono scappati. Il giovane ha subito chiesto aiuto. La Squadra Mobile ha ricostruito la vicenda, dopo aver esaminato le immagini delle telecamere, e ha arrestato due pakistani: Rab Nawaz, 29 anni, titolare di un regolare permesso di soggiorno, e Ali Imram, 28enne con il permesso di soggiorno scaduto nel 2013, ma ancora regolare in Italia perché in attesa dell’esito del ricorso per ottenere il rinnovo del permesso. Il giovane è stato soccorso e affidato alle cure dei sanitari. I due pakistani sono stati condotti in carcere e verranno interrogati dal magistrato della Procura di Brindisi che ha coordinato le indagini, condotte dalla sezione reati sessuali della squadra mobile.