Negli ultimi mesi mi sono dedicato a intervistare decine di persone che hanno lavorato o che erano amiche dei miei genitori. È stata un’esperienza molto emozionante. Ho trovato grandissimo affetto nei loro confronti e storie inedite anche per me. E ho scoperto aspetti del loro carattere che non conoscevo.

Ad esempio Cochi Ponzoni mi ha raccontato di quando un giorno, sulla spiaggia di Cesenatico, erano insieme a Enzo Jannacci e Renato Pozzetto e mio padre si mette a scrutare il mare e poi indica un punto all’orizzonte ed esclama: “Guardate, laggiù, una nave sta affondando!“. Gli altri tre capiscono il gioco al volo e si mettono a indicare anche loro: “Sì, laggiù. Guardate!”. In pochi minuti una piccola folla si riunisce e si scatena un’allucinazione collettiva… Non pensavo che mio padre da giovane fosse così poco serio!

Antonio Ricci mi ha invece raccontato le telefonate notturne con mia madre, a volte animate da nobili intenti (la difesa dei rom, l’uranio impoverito…) a volte con obiettivi meno impegnativi come la rabbia per la truffa subita da mia madre e sua sorella Pia, abbindolate da un’asta televisiva notturna di gioielli patacca.

Sono stati mesi molto intensi, con un po’ di incredulità sul fatto che questo kolossal potesse veramente andare in onda. Ora ci siamo, finalmente…

Signore e signori, siamo lieti di annunciarvi che ce l’abbiamo fatta. Domani 13 febbraio alle 22.15 su Rai 5 verrà trasmessa la prima di 25 puntate da 50 minuti. Un evento: mai la Rai ha dedicato tanto spazio a due guitti. Ripercorreremo così la loro infanzia, i primi passi in teatro, il loro incontro e la loro burrascosa storia d’amore, con il divorzio annunciato in diretta durante un’intervista di mia madre con Raffaella Carrà. L’irruzione della comicità dell’assurdo nel teatro e nella canzone, la censura, il ’68, le stragi e i servizi segreti deviati, il femminismo, la potenza della solidarietà. Raccontiamo la loro storia ma anche quella degli italiani dal dopoguerra a oggi.

La prima puntata partirà dal compleanno per i 90 anni di Dario con Carlo Petrini, Stefano Benni e il grandissimo Intra con la canzone “T’ho cumprà i calzet de seda”.
Una video autobiografia inedita di Franca e Dario fa da filo conduttore della storia.
Poi c’è il materiale girato negli anni, spezzoni ritrovati, brani di spettacoli, le lezioni di teatro che per anni hanno tenuto ad Alcatraz. E ci saranno le interviste con persone che hanno conosciuto questi due anomali individui. Alcuni nomi: Gianni Minà, Dacia Maraini, Ornella Vanoni, Renato Pozzetto, Paola Cortellesi, Lella Costa, Marco Paolini, Natalino Balasso, Daniele Luttazzi, Maurizio Costanzo, Mario Pirovano, Giovanna Marini, Ivana Monti.

Un materiale enorme che abbiamo selezionato e cucito creando un racconto che spero risulti appassionante.
Un’impresa notevole realizzata con Gianluca Rame, regista, Gianmarco Mazzi, produttore, Marisa Pizza, Gabriella e Simone Canova, autori, ed Eleonora Albanese, mia moglie e anomala intervistatrice di mia madre.

Spero vi divertirete e vi emozionerete. Una grandissima scommessa. E spero che ci darai una mano a diffondere questa notizia. Sai com’è in tv, se non fai ascolti ti decapitano.