Ventisette bambini sono rimasti intossicati dal monossido di carbonio durante una festa di compleanno a Sant’Andrea a Pigli, frazione del comune di Arezzo, sabato sera. I piccoli, tutti tra i dieci e gli undici anni tranne uno di appena un anno e mezzo, si trovavano in una sala parrocchiale della chiesa, riscaldata da stufe a gas. Ventitrè sono stati ricoverati ad Arezzo e a Firenze e sottoposti a terapia. Gli altri non hanno avuto bisogno di ricovero perché i sintomi erano lievissimi. Nessuno è in pericolo di vita.

Secondo una prima ricostruzione, improvvisamente due undicenni e il piccolo di un anno e mezzo hanno avvertito nausea e mal di testa perdendo per un attimo conoscenza. I genitori hanno chiamato subito il 118 che li ha trasportati al pronto soccorso di Arezzo. Qui i medici della pediatria si sono resi conto che la concentrazione di monossido di carbonio nell’emoglobina era alta e li hanno trasferiti immediatamente all’ospedale fiorentino di Careggi dove sono stati trattati in camera iperbarica.

Altri venti bambini sono stati ricoverati in pediatria ad Arezzo dove sono stati sottoposti ad ossigenoterapia e dimessi in mattinata. Grazie al passaparola tra genitori questa mattina sono arrivati all’ospedale gli altri quattro bambini che avevano partecipato alla festa e che hanno avvertito solo sintomi lievi. Tutti saranno sottoposti comunque ad analisi complete.