Sono “inutili“, spesso sono “gestiti dalle mafie” e “piacciono a Mafia Capitale“. Per svuotare i centri d’accoglienza occorre “assumere migliaia di laureati in discipline giuridiche che possano identificare al più presto chi ha diritto all’asilo e chi no”. Nel pieno della polemica seguita alla rivolta dei richiedenti asilo ospitati nel centro di prima accoglienza di Cona, con un post sul blog di Beppe Grillo il Movimento 5 Stelle prende posizione contro l’idea di riaprire i Cie, i Centri di Identificazione ed Espulsione. E detta la linea sullo spinoso tema dell’immigrazione.

La situazione è critica da tempo, i centri sono al collasso: “Da mesi dai territori della Penisola arrivano disperati appelli – si legge nel post – l’ultimo, è quello del prefetto di Reggio Emilia che ha dichiarato che “sono raddoppiati i richiedenti asilo, non sappiamo più dove metterli ed il rischio è che molti non abbiano diritto agli aiuti”.

Per questo il governo pianifica di riaprire un Cie per ogni Regione, allo scopo di raddoppiare i rimpatri dei richiedenti che non hanno diritto all’asilo, ma per i 5 Stelle è una pessima idea: “Aprire un CIE per regione, come propone il Ministro Minniti – si legge ancora – rallenterebbe solo le espulsioni degli immigrati irregolari e non farebbe altro che alimentare sprechi, illegalità e mafie con pesanti multe (pagate dai cittadini italiani) per la violazione di sentenze della Corte di Giustizia Europa e della Corte Costituzionale in materia di diritti umani”.

Istituiti dalla legge Turco-Napolitano, i Cie sono strutture utilizzate per trattenere cittadini stranieri “sottoposti a provvedimenti di espulsione e o di respingimento con accompagnamento coattivo alla frontiera”. Del tutto inutili: “È necessario identificare chi arriva in Italia – recita ancora il post – scovare i falsi profughi, espellere rapidamente gli immigrati irregolari nel giro di qualche giorno, senza parcheggiarli in inutili CIE spesso gestiti dalle mafie, accogliere chi ha diritto d’asilo ed integrare seriamente gli immigrati regolari”.

Da più parti accusato di non avere una linea precisa in materia di immigrazione, il Movimento traccia le proprie linee guida. A partire dalla questione dei rimpatri: “Per far questo serve prima di tutto un governo credibile e in grado di farsi rispettare dai partner internazionali. Condizione necessaria affinché si stipulino tutti quegli accordi bilaterali che ci permetterebbero di espellere gli immigrati irregolari che, come certificato dalla stessa UE, sono l’80% di chi è giunto in Italia negli ultimi anni.
In assenza di questi accordi però, l’Italia ne può espellere solo poche migliaia degli oltre 75.000 che risiedono sul nostro territorio”.

Per stabilire chi tra i migranti giunti in Italia ha i requisiti per restare, occorre “assumere migliaia di laureati in discipline giuridiche che possano identificare al più presto chi ha diritto all’asilo e chi no. Gli irregolari identificati dopo questo processo vanno subito rimpatriati, altro che riaprire i CIE che piacciono a ‘Mafia capitale’!”.

La proposta di un Cie in ogni regione non piace alla Caritas. “Abbiamo lottato e lavorato insieme alle istituzioni affinché si riducesse il numero dei Cie – ha spiegato a Tv2000 Oliviero Forti, responsabile immigrazione della Caritas italiana – abbiamo verificato che sono costosi, inefficaci e non riescono a raggiungere l’obiettivo per cui sono nati cioè identificare le persone e nei casi previsti dalla legge rimpatriarle forzatamente nei loro Paesi”. Per Forti, “la vicenda di Cona racconta che l’accoglienza nei grandi centri non funziona, perché si mette a repentaglio la vita delle persone come è accaduto alla donna ivoriana che, a quanto pare, non è stata soccorsa nei tempi e nei modi dovuti. Ma soprattutto crea delle condizioni di invivibilità. Chiediamo, dunque, che l’accoglienza sia diffusa con piccoli numeri sul tutto il territorio nazionale”.

Anche diversi governatori di Regione si oppongono all’idea. Debora Serracchiani, presidente del Friuli, concorda con la Caritas: “La soluzione che si è dimostrata più idonea è quella dell’accoglienza diffusa e se tutti gli 8mila Comuni italiani la applicassero avremmo ridotto al minimo situazioni di crisi”. Anche il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi boccia senza appello i Cie: “Non possiamo riproporre ciò che è già fallito. Esiste un rapporto della commissione diritti umani del Senato del febbraio 2016 – ricorda in una intervista a La Repubblica – che dimostra in modo scientifico e documentato come i Cie non servano assolutamente a dare effettività ai provvedimenti di espulsione”.

Per Luca Zaia, governatore del Veneto, riaprire i Cie sarebbe “un’utopia”. E “la vera soluzione, se il ministro (dell’Interno Marco Minniti, ndr) vuole dare il segno, è chiudere i centri, andare giù pesante con le espulsioni e cominciare a guardare in faccia la realtà: due terzi dei migranti che arrivano non sono profughi”.