8 aprile 2015: un barcone carico di migranti si ribalta al largo delle coste della Libia. Si tratta del più grave naufragio della storia recente avvenuto nel Mediterraneo. 970 morti, solo 28 i superstiti che potranno raccontare ciò che è avvenuto quel giorno. Centinaia i cadaveri rimasti intrappolati nel relitto che, per oltre un anno, è rimasto negli abissi del Canale di Sicilia a 370 metri di profondità. Parte da qui, dalle immagini del fondale dove il barcone si è inabissato nel 2015 e di quelle esclusive del suo recupero un anno dopo, il film “Come è profondo il mare”, in onda domenica 27 novembre alle 23.15 su Sky Atlantic HD e su Sky TG24 Active