Operazione anti-terrorismo nella zona centralissima di Les Halles a Parigi per un falso allarme nella chiesa di Saint-Leu Saint Gilles. A dare l’annuncio è stato l’account Twitter della polizia francese che nel primo pomeriggio ha invitato le persone a non avvicinarsi alla zona. L’intervento è terminato dopo una decina di minuti. L’agenzia Ansa in un primo momento aveva riportato che ci fossero degli ostaggi, ma la notizia è stata smentita.

L’allarme è scattato alle 16.30 nel centralissimo quartiere della capitale della Francia nella zona dove si trova un centro commerciale e multisale di cinema. Nel giro di pochi minuti è stato dispiegato un importante dispositivo di sicurezza – elicotteri, quartiere di Les Halles blindato, invito alla popolazione a restare in casa via radio, tv e con gli altoparlanti delle auto della polizia. L’allarme è rientrato è poco dopo: “Nessun pericolo da segnalare”, ha fatto sapere la Prefettura di polizia in un comunicato.


Stando a diversi testimoni, citati da Le Parisien, spari sarebbero stati uditi intorno alle 16 vicino alla chiesa di Saint-Leu Saint Gilles, che si trova al civico 92 di rue Saint Denis. La notizia degli spari non è tuttavia confermata e il giornalista di Le Parisien sul posto riferisce solo di un movimento dettato dal panico su rue Rambuteau, prima dell’arrivo massiccio di forze dell’ordine.

Il ministro degli Interni, Bernard Cazeneuve, ha conferma in una nota il falso allarme e ha sottolineato che “le circostanze che hanno condotto all’intervento devono ancora essere determinate con precisione”. “Per precauzione – si legge nella nota – il sistema Saip (l’app di Sistema di allerta e informazione alla popolazione, ndr) è stato immediatamente attivato”.