“Se dovesse saltare la candidatura di Roma per le Olimpiadi del 2024, ho intenzione di proporre la Lombardia per la sostituzione”. Sono le dichiarazioni rilasciate da Roberto Maroni, durante la conferenza stampa di presentazione del 73/o Open d’Italia di golf. Il presidente della Regione Lombardia ha poi dichiarato: “Ne ho già parlato con il presidente del Coni Giovanni Malagò e sto cercando di capirne la fattibilità, anche se ci auguriamo che Roma non si ritiri dalla partita. Bisogna innanzitutto vedere se l’eventuale ritiro di Roma precluderebbe la possibilità di candidare un’altra località italiana. Altrimenti ci adopereremmo per i Giochi del 2028″.

Lo stesso Malagò aveva parlato ieri a margine del forum Ambrosetti di Cernobbio dichiarando: “Non ci sono più i tempi tecnici e formali per qualsiasi altra candidatura”.”Dopo le Paralimpiadi andremo a parlare con la sindaca Raggi, ma per ora non mi unisco a chi per questioni politiche o personali approfitta di quello che succede per fare discorsi di natura politica. Il mondo dello sport deve essere laico e non vuole essere strumentalizzato” ha poi concluso.

Sul tema delle Olimpiadi si è espresso anche Raffaele De Dominicis, nuovo assessore al Bilancio del Comune di Roma, in un’intervista a Repubblica. “Se me lo chiederanno, dirò che si devono fare. Sono un’opportunità’ per la città e un evento di interesse nazionale”. Subentrato a Marcello Minenna, l’ex procuratore della Corte dei Conti del Lazio ha spiegato poi al Fatto Quotidiano le motivazioni che l’hanno portato ad accettare l’incarico: “Vado in giunta con la competenza che ho. Adesso le cose sono cambiate: chi non lavora, verrò cacciato. Su questo non si scherza”.