Dirigenti licenziabili, con incarichi a tempo e soggetti a valutazione periodica dei risultati ottenuti? La rivoluzione può attendere. Di fronte alle resistenze dei boiardi di Stato rispetto a una sgradita iniezione di meritocrazia, il governo Renzi ha deciso di rinviare a dopo la pausa estiva il passaggio in consiglio dei ministri il decreto sulla dirigenza pubblica, cruciale per l’attuazione della riforma Madia della pubblica amministrazione. Nell’ordine del giorno della riunione, pubblicato poco dopo le 17, non ce n’è traccia, nonostante nelle scorse settimane l’esame del testo fosse dato sicuro. Anche perché la delega all’esecutivo scade a fine agosto. A questo punto, l’unica possibilità per evitare di farla scadere senza attuazione è l’ulteriore cdm previsto per il 25. Nel corso della giornata, fonti di Palazzo Chigi hanno fatto trapelare attraverso Public policy che c’erano “molte resistenze” perché “diverse norme non sono state accolte favorevolmente da chi oggi ricopre le cariche di vertice”.

Le bozze del documento prevedono l’obbligo per Stato (ministeri, agenzie fiscali, enti pubblici non economici), enti locali e authority di scegliere i propri vertici attingendo a tre grandi “ruoli unici“, in cui confluirebbero tutti quelli attualmente in servizio (esclusi solo presidi e dirigenti sanitari). Gli incarichi, attribuiti sulla base di competenze ed esperienze professionali, dureranno quattro anni, rinnovabili una sola volta per due anni e solo nel caso in cui il dirigente in questione abbia ricevuto una “pagella” positiva. E chi resta parcheggiato, cioè non viene scelto da nessun ente pubblico, innanzitutto riceverà solo lo stipendio di base e non la retribuzione di risultato, che vale fino al 60% della paga complessiva nei ministeri e fino al 70% negli enti pubblici.

In seguito, dopo un numero di anni pari a 6 stando all’ultima bozza, potrà anche “decadere dal ruolo”, cioè in pratica essere licenziato. E nel frattempo dovrà obbligatoriamente partecipare a un certo numero di selezioni per altri incarichi. L’accesso ai ruoli da parte di nuovo personale, necessario per sostituire chi andrà in pensione, passerà attraverso il superamento di un concorso o un corso-concorso, seguito da tre anni di prova sul campo e un esame di conferma. Infine, la medicina più amara: taglio fino all’80% della retribuzione di risultato per chi non vigila sul “rispetto degli standard qualitativi e quantitativi” da parte dei propri uffici.

Un quadro che ha fatto salire sulle barricate i 32mila grand commis pubblici, contrari ai paletti sulla durata degli incarichi e, ovviamente, al rischio di perdere il posto. Il Sole 24 Ore mercoledì ha anticipato che il confronto tra Palazzo Chigi e i tecnici della Funzione pubblica era “ancora aperto” e si profilava “un primo via libera ‘salvo intese‘ (cioè con riserva di apportare modifiche, ndr) per rivedersi il 25 agosto”. Alla fine non è arrivato neanche quello: tutto rimandato a dopo Ferragosto.