Una voragine nell’asfalto manda all’aria un colpo in banca. Questo è quanto accaduto a Foggia, dove nel tardo pomeriggio del 7 luglio, nel centralissimo corso Cairoli, si è aperta una pericolosa fenditura sulla carreggiata, portando alla luce una spiacevole sorpresa. L’ampiezza e la profondità della voragine, dove sono stati trovati strumenti in ferro e una lampadina, fanno pensare a “lavori in corso” aperti sotto il manto stradale con un intento criminale.

La mattina seguente, nell’effettuare gli interventi per ripristinare la strada, gli operai si sono accorti che a causare la voragine è stato un tunnel scavato al di sotto del manto stradale, tutto questo in un tratto di Corso Cairoli vicino alla Banca Popolare di Milano. Una circostanza troppo anomala per essere archiviata come coincidenza, tanto da obbligare gli operai a bloccare le operazioni di ripristino in attesa dell’arrivo della polizia. Gli agenti, oltre a constatare il cunicolo scavato nel sottosuolo, hanno anche ritrovato anomali strumenti in ferro, utili alla creazione di una struttura di contenimento e sostegno, molto simile a quelle delle miniere. Inoltre è stata ritrovata una lampadina con impianto elettrico probabilmente utilizzata per illuminare il tunnel in fase di creazione.

Per la città di Foggia non si tratta del primo caso del genere. Il 14 agosto del 1997, approfittando della chiusura di Ferragosto, alcuni rapinatori entrarono nel caveau della Banca di Roma confinante con la Banca Popolare di Milano di Corso Cairoli, a pochi metri dalla recente voragine. Il valore dei beni trafugati ammontava a circa 40 miliardi di lire. I banditi, che non sono mai stati scoperti, arrivarono alla porta attraverso un cunicolo sotterraneo preesistente. Nella condotta furono ritrovate, scardinate, circa 300 cassette di sicurezza, documenti di vario tipo e molta argenteria, che i ladri abbandonarono perché poco redditizie rispetto a gioielli e titoli di credito.

Questo precedente fa pensare a un nuovo colpo con lo stesso modus operandi, utilizzando, in questo caso, un varco sotterraneo ex novo, che non ha sortito lo stesso successo del precedente. Ora gli inquirenti sono alla ricerca di elementi che possano accertare l’ipotesi del tentato colpo, indagando negli ambienti locali, tra le bande che già in passato hanno messo a segno furti agli istituti di credito, con l’aiuto di varchi aperti attraverso le abitazioni confinanti.