Garanzia Giovani secondo me ha avuto un effetto in partenza: abbiamo sbagliato il nome. Se fai un progetto che si chiama ‘Garanzia’ tutti pensano che gli garantisci”. Lo ha detto il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, durante una conferenza stampa alla Camera dei Deputati, sul protocollo di intesa tra ministero e Flixbus che coinvolgerà 220 Giovani. “Garanzia Giovani ha come obiettivo alzare il tasso di occupazione – spiega il ministro – che si realizza attraverso uno stage, seguendo un corso formazione, imparando a scrivere un curriculum, facendo il volontariato oppure facendo un anno di servizio civile. Io conosco moltissima gente che dopo un anno di servizio civile gli hanno detto: ‘Ascolta siccome sei bravo, stai mo qui’. Tra qualche settimana, annuncia Poletti, il governo presenterà un report definitivo che smaschererà “le stupidaggini” dette sul piano. Chiusura sull’articolo 18 che, secondo il titolare del Lavoro, “sono le competenze”  di Manolo Lanaro