“Se i toni sono questi, allora no”. E’ la reazione di Giuseppe Sala, candidato sindaco del centrosinistra a Milano, di fronte a un gruppo di antagonisti che lo hanno contestato durante la sua visita nel quartiere Giambellino. Per l’ex commissario unico di Expo, interpellato a margine della presentazione della lista Pd per le prossime elezioni comunali, si tratta di “antagonisti che tra l’altro stanno tenendo anche sotto scacco il quartiere“. Sala, che ha affidato alla sua pagina Facebook un commento all’accaduto, racconta: “A margine della mia passeggiata al Giambellino è arrivato un gruppo di antagonisti organizzati. Con grida e insulti hanno costretto me e i cittadini del quartiere a interrompere qualunque conversazione. Bene il confronto, anche acceso, ma la libertà è un bene troppo prezioso: non cederò mai a chi non ne capisce il valore”. E conclude: “Io non ho nessun timore di situazioni del genere; la cosa che mi preoccupa è che non c’è la possibilità poi, a volte, di spiegarmi con tranquillità con i cittadini”. In ogni caso, conclude, “sono cose che capitano”. Il video, pubblicato in due parti sul profilo Facebook ‘Comitato abitanti Giambellino Lorenteggio‘, si vede anche il momento in cui Sala risale in macchina e lascia il quartiere, seguito dalle urla di alcuni contestatori: “Vai, che ti votiamo”