Le foto spia con i veicoli pesantemente mascherati sono sempre più rare, sia perché rispetto a una volta lo sviluppo si fa di più al computer che per strada, sia perché spesso c’è ben poco da mascherare, considerando l’evoluzione di alcuni modelli quasi uguali a sé stessi. Ma uno sport utility Alfa Romeo è una notizia da non sottovalutare, sia perché non c’è n’è mai stata una in gamma (Matta a parte, ma quello era un fuoristrada duro e puro), sia perché è il secondo squillo di tromba che dovrebbe suonare la carica del Biscione, dopo il primo chiamato Giulia.

Ecco spiegate le (poche) foto che vi mostriamo oggi, che sembrano quasi uscire dagli anni Novanta, quando le auto in procinto di arrivare sul mercato sembravano una specie di Frankestein. In questo caso, a dire che è un’Alfa ci pensa lo scudetto centrale, visto che dal resto delle forme si intuisce ben poco. Tuttavia, soprattutto nella visione di tre quarti posteriore, si può scommettere su proporzioni simili a quelle della Porsche Macan, che probabilmente è uno dei suv più belli in circolazione.

Quella marchiata Alfa Romeo, che come ha detto lo stesso Sergio Marchionne si chiamerà Stelvio, arriverà sul mercato alla fine del 2017, sfruttando tutte le sinergie della piattaforma Giorgio e gran parte della meccanica della Giulia. Motore longitudinale, dunque, e trazione posteriore e/o integrale; trasmissioni manuali a 6 marce o automatiche a 8 rapporti, accoppiate a propulsori 4 e 6 cilindri, da 2.0, 2.2 e 2.9 litri, con potenze che vanno dai 135 Cv della diesel di attacco ai 505 Cv di un’ipotetica versione Quadrifoglio.

Definita dalla sigla di progetto 949, è la prima volta che la Stelvio si mostra con quella che sarà la sua carrozzeria definitiva (o quel che se ne intravede). Finora, l’unica sua altra uscita pubblica era stata sotto la pelle, allungata e mascherata, di una Fiat 500L. Ma ora il momento del debutto si avvicina e concorrenti come l’Audi Q5, la BMW X3, la Mercedes GLC e da poco anche la Jaguar F-Pace la attendono al varco.

Ma la Stelvio non sarà l’unico sport utility Alfa Romeo ad arrivare sul mercato. Nel 2018 toccherà alla 962, cioè un modello più compatto, che andrà a scontrarsi con l’Audi Q3, la BMW X1 e la Range Rover Evoque, mentre entro il 2020 dovrebbe debuttare anche un suv coupè, ripensamenti e rimpasti a parte.