E’ partito dall’isola greca di Lesbo un primo traghetto turco con a bordo decine di migranti, dando il via al controverso piano di espulsione dalla Grecia alla Turchia, previsto dall’accordo tra l’Ue e Ankara. L’imbarcazione Lesvos ha lasciato il porto di Mitilene, e sarà seguita dalla partenza di un catamarano, il Nezli Jale, una imbarcazione più grande e capace di trasportare diverse centinaia di persone. In precedenza i migranti erano arrivati a bordo di autobus scortati dalla polizia nei porti delle isole di Lesbo e Chios. Un totale di 204 migranti è salito a bordo delle prime tre imbarcazioni partite dalla Grecia verso la Turchia. A bordo è presente un numero di poliziotti uguale a quello dei migranti. Tra le persone respinte ci sono sicuramente cittadini pakistani, del Bangladesh e dello Sri Lanka, e cittadini nordafricani, compresi alcuni congolesi. I media locali confermano che non ci sono siriani a bordo. Le partenze sono avvenute regolarmente e senza incidenti